24 Ottobre 2020 · 18:56
15.5 C
Firenze

Gravina: “Coronavirus ferma la Serie A? Possibilità che non vengano dati gli stipendi ai calciatori in questi mesi”

Gabriele Gravina, Presidente della FIGC, parla a Sportitalia: “La sospensione dei termini degli adempimenti e dei versamenti fiscali e contributivi anche per le società sportive? È un ottimo risultato. devo ringraziare il Ministro Gualtieri ed il Ministro Spadafora. Hanno raccolto le nostre esigenze, che danno il segnale evidente di uno stato di crisi. Lo sport Italiano vivere un momento critico”.

La raccolta fonda per lo Spallanzani?
” Il calcio è sempre presente, siamo vicini a chi sta vivendo momenti di difficoltà. È un piccolo contributo da parte del mondo del calcio. Vogliamo stare vicino a tutti coloro che stanno sacrificando il tempo e la famiglia, mettendo a rischio anche la loro vita”.

Spalmare la stagione in due parti?
“Non vogliamo ammazzare il campionato. Restiamo con i piedi per terra, cercando di capire la gravità del momento. Noi in questo momento abbiamo l’esigenza che il campionato italiano debba arrivare ad una conclusione. La deadline deve essere il 30 giugno, entro quella data dobbiamo concludere il campionato 19/20”.

Società a rischio fallimento?
“Il calcio entrerà, subito dopo questa emergenza, in un momento di grande crisi. Siamo costretti, subendo questo sussulto, a dover raccogliere delle macerie. Il nostro mondo deve dimostrare di essere autosostenibile, per questo noi chiederemo un confronto aperto con calciatore ed allenatori. Poi lo faremo anche col Governo”.

Rimpianti?
“Abbiamo avuto dei momenti di incertezza nell’avviare alcune gare. Abbiamo fatto quello che abbiamo ritenuto più giusto, sono convinto che abbiamo fatto le scelte giuste”.

Andare oltre il 30 giugno?
“Non è impossibile, ma è molto difficile. Potrebbe essere possibile adottare un provvedimento di carattere internazionale”.

Rinviare l’Europeo di un anno?
“Probabile. Credo sia la soluzione più giusta”.

La strategia da presentare alla UEFA?
“Domani ci confronteremo. Già in occasione del congresso di Amsterdam c’è stato modo di scambiare qualche argomentazione. Oggi, al contrario di due settimane fa, abbiamo delle certezze. Abbiamo un nemico subdolo, dobbiamo sconfiggerlo rapidamente perché la tutela della salute dei cittadini viene prima di tutto. Questo virus va sconfitto velocemente. I campionati di calcio devono trovare una loro definizione, abbiamo l’esigenza di dare certezza per il futuro. L’unica certezza è il completamento dei tornei, tutto dipende dal tempo a disposizione. Se c’è poco tempo, mi sono permesso di consigliare i playoff ed i playout. Anche la UEFA ha accolto piacevolmente questa mia idea, può essere anche un’idea per dare maggior appeal ai campionati. L’altra ipotesi è quella del congelamento della classifica. C’è un’altra ipotesi, io la cito ma la escludo: quella di non assegnare il titolo. Non si tratta solo del titolo, noi abbiamo l’obbligo di comunicare alla UEFA chi va in Champions ed in Europa League e dobbiamo sapere chi sale e chi scende di categoria. Io mi auguro che riusciremo a finire il campionato, vorrebbe dire abbiamo sconfitto il Liverpool”.

Il blocco delle retrocessioni?
No, non vogliamo avviare una stagione in questo modo. Dobbiamo rispettare i format dei campionati”.

L’abolizione del decreto dignità?
“Stiamo lavorando, stiamo mettendo giù una serie di idee da presentare al Governo per dare un senso ad un momento di grande difficoltà. L’aspetto positivo che dobbiamo cogliere da questo triste momento è quello di riscoprirci migliori in termini di relazioni fra di noi. Dobbiamo essere in grano di dare contenuto al concetto di sistema. Se ci riusciremo, il calcio potrebbe ripartire con un alba migliore rispetto al passato”.

Congelare gli stipendi?
“Ne dobbiamo ancora parlare con l’associazione calciatori. Io credo molto nel confronto. Il confronto è decisamente meglio delle imposizioni”.

Tuttomercatoweb.com

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

Ecco la lista dei convocati da Iachini con l’Udinese. Presente anche Ribery

Questa la lista dei giocatori convocati da Iachini nella sfida con l'Udinese: Dragowski, Terracciano, Brancolini; Barreca, Lirola, Caceres, Pezzella, Milenkovic, Quarta, Igor,...

La Nazione: “Sirene dalla Premier per Vlahovic: il Newcastle è interessato. No di Commisso”

Come si legge dalle pagine de La Nazione odierna, l'attaccante serbo Vlahovic è finito sul taccuino di una squadra di Premier League: il Newcastle....

CALENDARIO