L’ex attaccante della Fiorentina Alberto Gilardino, oggi è allenatore del Rezzato Calcio in Serie D, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni del portale Gianlucadimarzio.com, soffermandosi in partocolare sulla propria carriera e sugli anni vissuti in viola. Ecco le sue parole: “Il primo pensiero quando penso alla maglia viola? Penso subito al mio debutto, a quel Fiorentina-Juve del 2008: segnai la rete del pareggio in girata al 90’. Immaginatevi il Franchi. E’ stata una storia bellissima quella tra me e i fiorentini: ho fatto tantissimi gol in una città stupenda dove sia io che i miei familiari siamo stati benissimo e magari un giorno torneremo a vivere. E poi eravamo un grande gruppo: dalle cene che facevamo fuori nascevano i nostri traguardi sul campo, togliendoci soddisfazioni incredibili. Con la Fiorentina ho giocato la Champions, abbiamo vinto ad Anfield con un mio gol e ci siamo giocati gli ottavi contro il Bayern. No, non ci sono partite che vorrei rigiocare, momenti della mia carriera che avrei voluto andassero diversamente. Ho avuto tutto subito e poi l’orgoglio di lottare per la salvezza negli ultimi anni. Non mi guardo mai indietro. Diamanti o Mutu? Sono due giocatori completamente diversi, sarebbe stato bello provare un 2-1 con loro: Mutu-Diamanti-Gilardino. Mi sarei divertito e avrei fatto divertire molto loro due e chi ci avrebbe guardato”.

Tuttomercatoweb.com