Adriano Galliani il 24 gennaio ha dato le sue dimissioni dalla carica di presidente di Mediaset Premium. Già nell’aria da giorni, la decisione dell’ex amministratore delegato del Milan, da luglio al vertice della pay tv del Biscione, è collegata all’imminente accettazione della candidatura con Forza Italia al Senato, con ogni probabilità in Lombardia. Il ruolo manageriale è «incompatibile per una eventuale candidatura», che Forza Italia avrebbe previsto in Senato. Rumors degli scorsi giorni quotavano l’ormai ex presidente di Mediaset come possibile ministro dello Sport in un eventuale governo a guida centrodestra. Il ruolo di presidente della società che utilizza le frequenze tv in concessione statale è fra le cause di ineleggibilità. A quanto si apprende, Galliani in questi giorni ha preso parte alla fase iniziale delle trattative private fra Mediaset e la Lega Serie A per i diritti tv del campionato, ma non a quella finale, che si è conclusa oggi con la presentazione di una nuova offerta da parte della pay tv.

Corrieredellasera.it

Comments

comments