25 Settembre 2021 · 21:12
24 C
Firenze

E adesso Firenze vuole la Coppa Italia, ci sperano anche i Della Valle. L’occasione è d’oro…

E se tiri le somme scopri che, al netto di verità/ovvietà del tipo “Ogni partita è come una finale” e “Non esistono partite facili”, il cammino di sicuro si è fatto meno complicato. Juve e Napoli fuori, adesso per la Fiorentina c’è l’Atalanta (al Franchi il 27 febbraio, a Bergamo il 24 aprile), una doppia sfida difficile ma non certo impossibile per questa squadra esplosa in un gennaio freddo e pieno di gol.

L’arrivo di Muriel ha sconvolto il gioco, spinto Chiesa verso la porta, dato un senso al contropiede, che non fa prigionieri. Velocità, tecnica, reattività e autostima di gruppo moltiplicata all’ennesima potenza.E d’altra parte la famiglia padrona sta cercando di mettere in bacheca qualcosa di serio, quello che non è mai arrivato durante la loro gestione, che comunque ha avuto i suoi momenti felici.

Una finale di Coppa Italia e due semifinali europee. La Fiorentina ci ha provato, ma adesso torna un’occasione d’oro e dentro lo spogliatoio cresce la voglia di crederci fino in fondo, perché un’occasione così capita di rado. E questa Coppa sistemata in fondo, al netto del dover sempre ricordare che la strada non è facile, resta comunque qualcosa di concreto da provare ad afferrare.

I tifosi hanno sete di festeggiamenti, i giocatori smaniano per alzare al cielo qualcosa che luccica, Firenze di aggiungere alla sua storia un ricordo indelebile. Ci sarà da lottare. Ma sarà, comunque, bellissimo.

La Repubblica

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

CALENDARIO