Il nuovo supervisore all’area tecnica della Fiorentina, Dario Dainelli, ha presenziato alla festa del Sesto Calcio. Ecco alcuni esttatti delle paroel pronunciate allinterno del terreno di gioco e durante la cerimonia.alcune dichiarazioni al centro del terreno di gioco dove è avvenuta la cerimonia. “ Il mio nuovo incarico è molto stimolante, ho vissuto uno stato iniziale di ambientamento, pur considerato che ho smesso di giocare a quarant’anni e già avevo in mano una funzione di rappresentanza nello spogliatoio già prima. Adesso sto vicino a dirigenti molto esperti, dai quali cerco ogni giorno di apprendere i segreti del mestiere. Per me avere l’onore di rivivere Firenze l’ho concepito come essere tornato a casa. Fiorentina-Juventus? È una partita bellissima da giocare, perché c’è tanto entusiasmo in città, sia quando ti alleni sia quando arrivi arrivi allo stadio, avverto la spinta della gente anche dal pullman. Il ricordo più bello che ho di una sfida contro i bianconeri è stato “la mia prima” giocata contro la Juve, un 3-3 al Franchi dove feci gol anche io assieme a Pazzini e Chiellini. Non mi capita molto spesso di sognare, di farlo contro la Juve è stato speciale. Mio figlio me lo ricorda ancora oggi…”

 

Tuttomercatoweb.com