L’esperto di mercato Niccolò Ceccarini è intervenuto ai microfoni di Radio Blu: “Borja Valero sarà un giocatore dell’Inter, dispiace che finisca così anche con lui perché voleva restare. Racconterà la sua cessione e il suo addio susciterà tante polemiche. 7/8 milioni è l’offerta oltre cui l’Inter non andrà, la Fiorentina chiede 10 ma i nerazzurri non si spingeranno su quelle cifre. Dispiace che quando ci si lascia dalla Fiorentina ci sono sempre rotture fragorose”.

Prosegue su Kalinic: “Kalinic? Il Milan ha preso Cahlanoglu, ma vuole anche una prima punta da affiancare ad André Silva e sperano ancora in un grande colpo. I rossoneri non si spingono oltre i 22/23 milioni, la Fiorentina chiede 30, ma se il croato spinge per andarsene una soluzione a metà si troverà”.

E su Simeone: “Simeone può essere il suo sostituto ma la Fiorentina non può sbagliare l’attaccante. Non segnerà mai 30 gol a stagione, ma libera spazio per gli inserimenti dei centrocampisti e fa tanto movimento. Se il Genoa vuole 25 milioni è dura prenderlo, perché sono veramente tanti soldi”.

Conclude su Bernardeschi: “Per Bernardeschi in settimana ci sarà l’incontro tra la Fiorentina e Beppe Bozzo che comunicherà la volontà di non voler rinnovare. La Juve aveva in testa di fare sia Douglas Costa che Bernardeschi ma i problemi con l’extracomunitario frenano sul brasiliano. Le cifre? 40 più bonus o 40 più un giocatore la cifra stanziata dai bianconeri, con la Fiorentina che lo valuta 50. Rincon e Sturaro? La Juve li ha messi sul piatto e sono alla portata della Fiorentina come ingaggio, su Mandragora e Orsolini non c’è nulla”.

Comments

comments