Il noto intermediario di mercato e grande tifoso viola Bernardo Brovarone ha parlato a Radio Bruno, queste le sue parole:

Dopo la sconfitta di ieri c’è rabbia ma è difficile giudicare a caldo. Ieri non mi è piaciuto nemmeno Pioli. Sarei felicissimo di ascoltare le sue considerazioni. Milenkovic ci ha dato sicurezze finora e il suo ruolo è il centrale di difesa. Poteva essere lui un’idea invece di Laurini. Eysseric lì non ha il cambio di passo né i movimenti, dove è limitato. Magari esprimerà anche il suo buon ultimo passaggio.

Il problema nasce dal mercato dell’anno scorso, che è stato un disastro: tante spese per trovarsi poi il nulla in mano. C’è chi con 10 milioni compra Praet o Milinkovic-Savic e chi compra Benassi con la stessa cifra. Lui è la più grande delusione in rapporto alla cifra investita e alle attese.

Ci sono elementi che rendono spoglia la mediana, come il fatto che Badelj a fine anno va via, per fortuna abbiamo Veretout, combattente di quelli veri. Oggi non mi danno sicurezza né Sportiello né Dragowski e la valutazione non è così semplice. 

Il problema dei direttori sportivi per me è grande e le operazioni di Corvino sul mercato non mi sono piaciute. Il fatto che non sia mai criticato per me è un mistero. Saponara ora è in fantasma, spero inizi un processo di recupero che può finire anche tra un anno”

Comments

comments