29 Gennaio 2022 · 14:02
12.2 C
Firenze

Barone guida la task force: “Nuovo stadio? Partita decisiva. I vincoli posso uccidere il Franchi e Firenze”

Barone, in questa delicatissima fase in cui la Serie A è chiamata a guidare la “resistenza” sportiva alle ricadute economiche e finanziarie della pandemia, ha assunto all’interno della Lega l’iniziativa di promuovere il comitato “stadi”.Un gruppo che ha il compito di suggerire le modifiche necessarie a migliorare la legge sugli stadi. Una disciplina che avrebbe dovuto facilitare l’iter di autorizzazione per la costruzione e/o ristrutturazione di nuovi impianti.

Un mega-investimento sullo stadio invece, per ora non ci sarà. La Fiorentina infatti dopo aver dialogato a lungo con il Comune di Firenze non ha partecipato al bando per l’area Mercafir (avremmo dovuto fare un’asta contro noi stessi) scontrandosi con tutte quelle rigidità e sclerotizzazione burocratiche.

“Se non si fanno gli stadi per aumentare le entrare la Messa è finita”, chiarisce provocatoriamente Barone.

“Deve essere chiaro a tutti che questa è la partita decisiva. Serve progettualità e capire che gli stadi moderni oggi servono ai club ma anche a riqualificare quartieri o aree cittadine che altrimenti rischiano di essere abbandonate”.

Di vincoli storico-architettonici le città e con esse gli impianti possono ammalasi perire. “Pensi allo stato in cui versa oggi il Flaminio, è quello che potrebbe succedere al Franchi se noi andassimo a fare lo stadio altrove”.

La task force fortemente voluta, tra gli altri da Barone vuole aiutare a innalzare in modo graduale, come prescrive la UEFA gli standard di qualità delle strutture.

Lo riporta il Sole 24 ore.

 

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

CALENDARIO