Il direttore sportivo dell’Inter Piero Ausilio ha parlato a Tuttosport, queste le sue parole:

Borja Valero è stata la prima richiesta di Spalletti e adesso, dopo qualche sorriso estivo, mi sembra che in molti si stiano ricredendo. Come Pirlo alla Juve? Per età ed esborso minimo è un paragone che ci sta. Borja Valero è quel giocatore che è sempre presente quando un compagno ha bisogno di una mano. Infine Vecino: ammetto che la clausola da 24 milioni ci ha agevolato, perché dopo le cessioni di Bernardeschi e Borja, penso che la Fiorentina non lo avrebbe mai venduto. Spalletti lo sta aiutando a crescere, se a Firenze era un buon giocatore, all’Inter diventerà un top player”