27 Febbraio 2024 · Ultimo aggiornamento: 23:34

Labaro viola: il mondo viola minuto per minuto
Allegri e le sue continue dichiarazioni per mettere pressione alla Fiorentina. Mai stato vicino ai viola
Rassegna Stampa

Allegri e le sue continue dichiarazioni per mettere pressione alla Fiorentina. Mai stato vicino ai viola

Redazione

19 Aprile · 12:36

Aggiornamento: 19 Aprile 2022 · 12:36

Condividi:

Firenze, stadio Artemio Franchi, 1.12.2018, Fiorentina-Juventus, Foto Fiorenzo Sernacchioli. Copyright Labaroviola.com

Come scrive questa mattina La Repubblica, Allegri e la Fiorentina sono come due rette parallele che viaggiano ognuno per la propria strada incontrandosi soltanto per onore di calendario. Sempre avversari e mai compagni. La storia di Allegri e la Fiorentina può essere descritta così: il tecnico livornese non è mai stato vicino ai viola, né da allenatore né da giocatore. Così se da centrocampista il grand tour della Toscana ha portato “acciuga”, il suo soprannome storico, a giocare alla Cuoiopelli, a Pisa, a Livorno, Pistoiese e Aglianese, la carriera in panchina iniziata a Agliana è proseguita a Grosseto prima di affermarsi fuori dalla regione. Tante piazze, tanti campanili, tanti derby ma mai una stagione con il viola addosso.

Eppure oggi come allora la Fiorentina occupa sempre nei ragionamenti di Allegri un posto particolare: nelle ultime conferenze stampa non c’è una volta che non sia stata menzionata, vuoi come esempio per sottolineare come il percorso di Vlahovic da Firenze a Torino abbia vissuto un grande salto in avanti, vuoi perché la squadra di Italiano è molto temuta, non solo per il ritorno in Coppa Italia ma anche per un assalto viola al quarto posto in classifica che vale la Champions. «Giocare nella Juventus non è come giocare nella Fiorentina, la troppa voglia di fare lo porta ad avere fretta», ha detto dopo il pareggio contro il Bologna dell’attaccante serbo. Una frase molto simile a quelle pronunciate in passato sia per Chiesa che per Bernardeschi, altri due talenti viola finiti alla rivale di sempre e punzecchiati perché abituati a giocare una volta a settimana e non per palcoscenici importanti.

Non solo, tanti tifosi hanno accolto con meraviglia le parole in ottica Champions: «Occhio ai viola per il quarto posto, hanno un buon calendario rispetto alle altre», ha detto sabato, proseguendo un concetto espresso anche qualche settimana fa. Verità o scaramanzia. Conoscendo il suo modo di fare toscano, il suo dire e non dire con ironia, sembra più pretattica. Anche perché, al di là dei meriti di Italiano, la Fiorentina dovrà ancora affrontare Roma, Milan e Juventus stessa. Non proprio un finale soft. Allegri comunque non è nuovo a dichiarazioni della vigilia tese a far parlare l’ambiente, un po’ per mettere pressione un po’ per toglierla dalla sua squadra.

Successe anche nell’ultimo precedente in Coppa Italia, sempre in semifinale nella stagione 2014-2015: La Fiorentina aveva vinto 2-1 a Torino l’andata con una doppietta di Salah e nel ritorno tutta Firenze si aspettava un semplice passaggio del turno: «I favoriti sono loro, sono in un ottimo momento, stanno giocando un buon calcio», disse Allegri alla vigilia. Non solo, il tecnico della Juventus lodò Montella, fece pretattica dicendo che qualche big poteva essere anche risparmiato – giocò Storari al posto di Buffon in una squadra con tante defezioni – sottolineò come il passaggio del turno sarebbe stata una vera e propria impresa di fronte a quella Fiorentina più in forma e preparò un trappolone comunicativo da cui poi uscì vincitore con un secco 3-0. Adesso il clima è diverso, la sua Juventus è avanti di una rete e ha due risultati su tre a disposizione, ma questa Fiorentina resta comunque un avversario scomodo. 

LA LETTERA DI UN DISABILE CHE E’ ANDATO ALLO STADIO FRANCHI SABATO

“Caro Nardella, da disabile sono stato allo stadio Franchi, è tutta una barriera architettonica”

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Testata giornalistica | Autorizzazione Tribunale di Firenze n.6004 del 03/11/2015
Edimedia editore | Proprietario: Flavio Ognissanti | P. IVA: IT04217880717

© Copyright 2020 - 2024 | Designed and developed by Kobold Studio