15 Maggio 2021 · 12:09
13.7 C
Firenze

Vlahovic per restare chiede soldi e lotta Champions. Ramadani gongola, che errore aspettare

La Fiorentina sorride, ha finalmente un centravanti di alto livello ma la scelta di non rinnovare un anno fa pesa come un macigno

Vlahovic
Foto di proprietà di ACF Fiorentina. Riproduzione vietata ©

Dusan Vlahovic è esploso. Grazie a Prandelli che ha deciso di puntare definitamente su di lui la Fiorentina adesso si ritrova in casa finalmente il centravanti che aspettava da anni. Con Iachini in panchina non segnava e veniva alternato a Kouamè, poi con l’arrivo di Prandelli tutto è finalmente cambiato e adesso il serbo è esploso.

Del suo rinnovo di contratto si parla da un anno, anche se la scadenza 2023 non fosse proprio dietro l’angolo, il centravanti serbo aveva mostrato tutto il suo interesse e la disponibilità, poi lo stand by e la crisi di inizio stagione che ha bloccato tutto.

Adesso è Vlahovic che ha il coltello dalla parte del manico, non più la Fiorentina.

La Fiorentina aveva questo potere ad inizio stagione, quando il classe 2000 era in difficoltà e molto criticato, adesso invece è sotto scacco delle richieste del calciatore e del suo entourage, con la regia di Ramadani, uno che sa come sfruttare al meglio queste situazioni.

Vlahovic vuole restare, ma chiede soldi e ambizione. L’ambizione di una Fiorentina che lotti per le prime 4/5 posizioni, l’ambizione di una squadra che voglia lottare e raggiungere alti livelli. Sul serbo ci sono le big europee, pronte a mettere sul piatto tanti soldi.

Per questo la richiesta del calciatore adesso è alta, una cifra intorno ai 2 milioni e mezzo. Una cifra giusta e logica. Funziona cosi. Anche Batistuta, 25 anni fa, non c’era sessione di mercato che chiedesse più soldi e più garanzie tecniche. Se vuoi avere in squadra grandi giocatori è cosi. La Fiorentina deve solo decidere chi vuole essere da grande. Poi tutto verrà di conseguenza. Altrimenti dopo Chiesa la lista si allungherà sempre di più.

Flavio Ognissanti

RETROSCENA BLOCCO DAZN, LA COLPA E’ DEL COMCAST DI PROPRIETA’ DI SKY

Retroscena Dazn oscurato, la colpa è del Comcast di cui Sky è proprietaria. Poi ci sarà Tim

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

Gazzetta: “Commisso sbaglia tutte le scelte e dà la colpa alla stampa. Nel calcio contano i risultati”

Questo quello che scrive il direttore della Gazzetta dello Sport, Andrea Di Caro, per commentare le parole di Rocco Commisso ieri in conferenza stampa “Maurizio...

Cecchi Gori contro Commisso: “Le parole su Firenze mi fanno male. E lo dico io che ne ho subite tante”

L’ex patron della Fiorentina Vittorio Cecchi Gori ha parlato a La Nazione, queste le sue parole: “Le parole di Commisso su Firenze? Queste parole sulla...

CALENDARIO