2 Agosto 2021 · 18:57
26.2 C
Firenze

Vi presentiamo Italiano. Grande aggressività, dinamismo e costruzione dal basso. Modulo 4-3-3

Vincenzo Italiano é di fatto il nuovo allenatore della Fiorentina che si fa trovare pronta dopo l'incredibile vicenda Gattuso

Vincenzo Italiano é nei fatti praticamente il nuovo allenatore della Fiorentina. Ad ore é attesa la definitiva fumata bianca tra il tecnico oramai ex Spezia e la società viola.

Vincenzo Italiano é uno dei tecnici più promettenti dell’intero palcoscenico italiano, la stagione ultima (la prima per lui nella massima serie A) ha consacrato un tecnico di cui già dalla scorsa stagione si fa un gran parlare.

Conosciamo meglio le idee tattiche ed i principi di gioco dell’oramai nuovo tecnico gigliato.

MODULI DI GIOCO:

Sistema di gioco: 4-3-3

Sistema di gioco in fase di possesso: 2/3-2-3

Sistema di gioco in fase di non possesso: 4-1-2-3; 4-1-4-1

FASE DI POSSESSO

Lo Spezia tende a costruire il gioco dal basso. Il portiere passa il pallone ad uno dei due centrali che passano il pallone al terzino della stessa fascia. Difficilmente i difensori centrali provano gli attacchi diretti per gli attaccanti. In fase di possesso, i due esterni difensivi, si alzano a livello del centrocampista centrale, mentre i due difensori centrali partecipano alla fase opposta (sistema detto basculante).

Quando lo Spezia recupera il pallone nella propria metà campo, o in quella avversaria, attua un rapido contropiede. Spesso si ha due opzioni, ovvero attaccare la profondità per vie centrali (spesso in superiorità numerica), oppure la diagonale sull’esterno dove si può andare a prendere fallo opporre premiare il movimento della puntando riferimento.

FASE DI NON POSSESSO

I due terzini, tendono ad alzarsi troppo; in questo modo, soffrono i passanti alle spalle degli attaccanti avversari, ma ne consegue del resto la quasi permanente superiorità nella zona mediana del campo.

Il difensore centrale  tende a marcare l’attaccante avversario e non lo spazio.

Durante gli attacchi laterali, i difensori centrali tendono a fare una diagonale lunga verso il portiere. Ciò rende più difficile in questa fase attaccare il primo palo e conseguentemente risulta facile comprendere i movimenti (con scelte limitate) degli avanti avversari.

Quando lo Spezia perde palla nella metà campo avversaria, i giocatori più vicini alla palla tentano un contro-pressing; a volte capita che il centrocampista basso ed il difensore centrale che sale si possano trovare ad affrontare un pericoloso 2 contro 2.

MARZIO DE VITA

LEGGI ANCHE ITALIANO É DELLA FIORENTINA DA IERI, ANNUNCIO DOPO LA RISOLUZIONE STAFF. IN CASA SPEZIA SONO ARRABBIATI

Italiano è della Fiorentina da ieri, annuncio dopo risoluzione staff. In casa Spezia sono arrabbiati

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

Gonzalez: “Desideravo essere qui, voglio portare in alto la Fiorentina. Darò tutto per questa maglia”

Le parole del nuovo arrivato, Nico Gonzalez, al momento del suo sbarco a Firenze

TMW, Fiorentina su Krizanovic, portiere della Croazia U19. Da battere la concorrenza del Chievo

Interesse della Fiorentina per Ivan Krizanovic: i Viola vogliono rafforzare ed aumentare la competizione tra i pali

CALENDARIO