Terim: “Firenze vince ogni giorno per la sua bellezza, ora deve vincere nel calcio. Squadra senza ferocia”

"Tic-toc si ma poi? La squadra viola non ha ferocia. Di Sousa non voglio parlare. Chiesa e Bernardeschi..." Terim ha parlato alla Gazzetta dello Sport

0
325

Fatih Terim ha parlato alla Gazzetta dello Sport, questi i passaggi più importanti dell’intervista:

Amo Firenze. Conservo ancora il simbolo dei tifosi del Collettivo Autonomo Viola, un guerriero apache. Di Sousa non parlo non sarebbe corretto. La Fiorentina ha buoni giocatori ma non ha ferocia. Titic-titoc e poi? L’Atalanta ha perso male contro l’Inter ma contro la Fiorentina mi aveva incantato. Ha fame e cuore. Gasperini mi piace. La Fiorentina ha talenti. Bernardeschi ha colpi interessanti e il piccolo Chiesa è un progetto da non perdere di vista. Deve diventare più forte del padre. Io ho inventato Enrico Chiesa prima punta. Anche se all’inizio non ci eravamo capiti. Sono stato a Firenze solo dieci mesi eppure i tifosi viola ancora mi adorano perché ero diventato più fiorentino dei fiorentini. Volevo vincere perché questa città deve vincere. Vince ogni giorno nel mondo per la sua bellezza. Deve vincere anche nel calcio”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui