In una lunga intervista rilasciata al Corriere dello Sport, Giuseppe Rossi si racconta a 360 gradi fra retroscena passati e incertezze future. L’eroe del 4-2 alla Juventus si sofferma molto sul fatto che non riesce a trovare squadra, seppure in passato gli abbiano fatto la corte anche i top club europei. Ecco di seguito le sue parole.

“E’ difficile per me dare una spiegazione. Dopo l’assoluzione dell’1 ottobre, pensavo di ricevere qualche proposta in più, ma ho dovuto fare i conti con le norme che restringono le rose a 25 elementi. Tante persone si sono messe in testa il fatto degli infortuni, ma non è una cosa vera. Certo, non nego che li ho avuti, ma non mi hanno mai fermato. Io sono quello che dopo le operazioni ha rigiocato e segnato con la Fiorentina, il Levante, il Celta Vigo e il Genoa. Prima dell’infortunio al Villarreal, il Barcellona mi aveva cercato, ma c’erano state trattative anche con la Juventus, il Bayern Monaco e il Chelsea. E qualche interessamento importante c’è stato anche quando ero alla Fiorentina. Se ripenso a quello che mi è successo un po’ di rammarico ce l’ho, ma gli infortuni non li potevo controllare e adesso non posso stare qui a battere la testa contro il muro”.