Questa mattina, il quotidiano La Nazione, da una notizia che se confermata avrebbe dell’incredibile. Infatti, il“carattere” usato da chi si è armato di una bomboletta spray di colore nero per scrivere quelle infamie lascia piú di qualche dubbuo. E’ stato usato un “font” che si chiama “Ultras Liberi”, un carattere in voga in certe curve ma che ha origine dagli anni delle lotte politiche di destra e dei “campi Hobbit”. Lo usano gli stessi juventini.

In attesa di un aiuto dalle telecamere, per identificare gli autori è possibile restringere il campo quanto meno a gruppi con una cultura e una identità abbastanza precisa: usare quel carattere di scrittura, infatti, è sinonimo di una precisa militanza nell’ultradestra. Identità che son presenti anche nel tifo fiorentino, ma mai il «font» in questione è stato utilizzato per rappresentare un pensiero unitario della Fiesole, ad esempio. Pure sabato non sono mancati gli striscioni, anche all’indirizzo dei rivali bianconeri e dell’inchiesta sulle infiltrazioni mafiose in curva. Ma con tutto un altro stile, non solo grafico.

LEGGI ANCHE: “HEYSEL? SCRITTE IN ZONA DOVE PASSAVANO TIFOSI JUVE, TIFOSI VIOLA NON POTEVANO ANDAR LI”