di Flavio Ognissanti 

Che Eusebio Di Francesco è il grande preferito di Corvino per la panchina della Fiorentina non è un mistero. Lo abbiamo anticipato noi in esclusiva 10 giorni fa

Poi sono arrivate tante conferme. Ultima quella di Alfredo Pedullà e del Corriere dello Sport che questa mattina in un articolo preciso, proprio a firma del noto esperto di mercato, ha svelato i dettagli dell’incontro tra il direttore generale della Fiorentina e il tecnico ex Roma.

Si è parlato di tutto. Anche di come spalmare in 3 anni il grande ingaggio di Di Francesco che nella capitale prendeva 3 milioni l’anno mentre a Firenze si dovrà accontentare, se così si può dire, di 2 milioni. La trattativa è solo all’inizio, ma c’è la grande volontà da entrambe le parti di chiudere e di iniziare questa nuova avventura insieme.

Dopo questo articolo di Pedullà sul Corriere dello Sport è arrivata secca e decisa la smentita della Fiorentina sul proprio sito ufficiale:

La Fiorentina smentisce in maniera inequivocabile quanto riportato oggi sul Corriere dello Sport dal giornalista Alfredo Pedullà in merito a un “Casting” in corso per il futuro della panchina della Fiorentina.

Nessun “faccia a faccia” né tantomeno alcun “vertice” con altri allenatori sono avvenuti.

La Società diffida chiunque dal diffondere notizie prive di ogni fondamento, riservandosi il diritto di agire presso le sedi degli Organi competenti.”

E allora come stanno le cose? Se è tutto vero perché la Fiorentina ha smentito?

La smentita della società è un atto dovuto, mancano ancora dieci partite in campionato e una semifinale di ritorno di Coppa Italia da giocare. Non si vogliono dare alibi a Pioli e si vuole proteggere l’ambiente e la squadra. La scelta del comunicato è una scelta saggia e giusta.

In chiusura, questo non vuol che Di Francesco sarà sicuramente l’allenatore viola, ma in questo momento è il grande favorito e preferito aldilà di comunicati e smentite di rito. L’addio di Pioli è scontato, pensare che Corvino non stia sentendo nessun allenatore è fuori dalla realtà.