Riganò: “Per scegliere Semplici serve coraggio. Preferirei Pioli, anche se…”

"A partita secca la Fiorentina se la gioca con tutti. Dire che il sesto posto è un fallimento è inaccettabile"

0
121

Christian Riganò è intervenuto ai microfoni di Radio Bruno: “A partita secca la Fiorentina se la può giocare con chiunque. Ultimamente però la squadra sembra essersi svegliata. In campo ci vanno i giocatori, non l’allenatore. Il carattere dei giocatori conta il giusto. Siamo undici contro undici in un rettangolo di gioco per novanta minuti. C’è chi in campo si trasforma e chi no. E’ più una questione di mentalità che di carattere. La Fiorentina deve continuare a crederci fino alla fine. Se poi ci toccheranno i preliminari faremo i preliminari. Sentire dire che il sesto posto è fallimentare è inaccettabile”.

Prosegue sulla scelta del futuro allenatore: “Sulla scelta di un allenatore giovane come Semplici bisogna dimostrare coraggio. Non penso sia il prospetto che ricerca la società. Tra Pioli e Di Francesco preferirei sicuramente Stefano visto che è anche un ex viola ma penso che alla fine lui rimarrà a Milano. Per questo punto su Di Francesco”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.