Repubblica, tra un acquisto e l’altro si sono dimenticati di colmare il vero punto debole della Fiorentina, i terzini

Tra un taglio e l'altro Corvino, Freitas e Cognigni si sono fatti scappare i terzini. E adesso Pezzella prenderà il posto di Vitor Hugo

0
133
Viareggio, Stadio dei Pini, 13.08.2017, Fiorentina-Parma, Foto Fiorenzo Sernacchioli. Copyright Labaroviola.com Tomovic

Asfaltare il passato può essere meraviglioso. Soprattutto per chi lo fa. Tagliare, tagliare, cambiare, cambiare. Non a caso i manager hanno i loro bonus sui contratti, che a volte si rinnovano in automatico una volta raggiunto il target. E nel nostro caso il nuovo prodotto calcistico si chiama gioventù, perché quella alla gente piace. E c’è un motivo: se il presente non ti esalta puoi sempre guardare al futuro.

Sperare. Crederci. E anche sognare. Da sempre è così. Ma ora più che mai, perché la grande vittoria dei ricchi è aver convinto i poveri che sono destinati a restare dietro per sempre, e che se nella tua squadra gioca uno veramente forte tu gli fai ciao ciao con la manina, mentre conti i soldi messi in cassa come se fossero tuoi.

Tutti, anche i più ottimisti, hanno notato che la grande rivoluzione dei Fab four (Cognigni, Ramadani, Freitas e Corvino), tra un taglio e l’altro si è dimenticata ti mettere a posto quello che è da sempre il vero punto debole della Fiorentina: cioè i luoghi dove abitano i famosi e tanto evocati terzini. Cioè, ne sono arrivati due: Gaspar (3,5 milioni) e Biraghi (gratis con 2 milioni di riscatto). Uno a destra, uno a sinistra. In panchina, però. Il primo forse non si è ancora adattato, l’altro è arrivato tre giorni fa. Fatto sta che Pioli ha dovuto mettere in campo il vecchio Nenad e il mitico Maxi.

Onesti giocatori, ovvio, a cui sarebbe ingiusto dare tutte le colpe. Se giocano loro si vede che il quel ruolo sono sempre i migliori. Non a caso Pioli aveva chiesto due terzini affidabili. Ok, ingiusto giudicare una squadra incompleta. Però che la difesa meriti qualche riflessione è giusto dirlo, altrimenti si sconfina nell’errore opposto: fare finta di niente. Va detto anche che il pezzo meglio del reparto è stato Sportiello, che ha evitato l’umiliazione. E forse non è un caso se è arrivato dalla Spagna un centrale, Pezzella, che sembra destinato a diventare titolare, anche se il Vitor Hugo visto a San Siro non può essere quello vero.
Benedetto Ferrara, La Repubblica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.