27 Settembre 2021 · 04:02
17.6 C
Firenze

Pregiudizio vergognoso su Chiesa per un rigore netto. Il presidente Spal come si permette?

«È più facile scindere un atomo che abolire un pregiudizio».

Non è troppo citare il genio e premio Nobel Albert Einstein per leggere l’antipatica situazione in cui Chiesa è finito. O meglio, in cui l’hanno spinto. Prima Gian Piero Gasperini, allenatore dell’Atalanta, e poi Walter Mattioli, presidente della Spal.

«Chiesa possiede la dote di inventare falli di rigore, è una persona poco seria» ha tuonato rabbioso il dirigente della società ferrarese ieri a fine partita. Il gol annullato alla Spal da Pairetto, dopo lunga consultazione alla Var si è trasformato in rigore per la Fiorentina per un fallo sull’attaccante. Lo scorso settembre fu invece Gasperini ad attaccare il giocatore viola per lo stesso motivo: «È stata chiaramente una simulazione fatta da un ottimo giocatore. Chiesa ha l’abitudine di fare questi gesti e deve cominciare a pagarli invece di essere premiato».

Il capo di accusa è chiaro: la presunta caducità di Federico durante le partite. Da allora, quando la Fiorentina gioca in trasferta e Federico subisce un fallo più o meno evidente, viene fischiato e offeso dai tifosi avversari. Ieri è successo a Ferrara, anche in altri episodi precedenti a quello in questione. L’etichetta di cascatore si è trasformata in una brutta abitudine del pubblico avversario. Dopo l’episodio contro l’Atalanta, la famiglia del giocatore valutò la possibilità di adire le vie legali.

Stavolta, immediatamente dopo l’accusa, la società ha voluto difendere fermamente la rispettabilità del suo giocatore. «Non accettiamo queste critiche nei confronti di un ragazzo di ventidue anni quasi imprendibile — ha replicato Giancarlo Antognoni — Se non si riesce a prenderlo e si fa fallo, è rigore. Dispiace sia successo tutto questo, ma se abbiamo il Var deve essere valutato. Però sul fatto di Federico accusato di essere un tuffatore dal presidente della Spal non va bene. Averlo definito “poco onesto” è grave, io non mi permetterei mai di accusare un giocatore avversario. Il presidente della Spal parli dei suoi”

Adesso Federico Chiesa deve giocare anche contro pregiudizi e antipatie.

Corriere fiorentino

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

CALENDARIO