Passato, presente e futuro; a tutto Cesare Prandelli. L’ex allenatore – tra le altre – di Fiorentina, Italia e Valencia ha concesso un’intervista a Sky Sport nella quale è tornato a parlare della sua esperienza felice a Firenze, su quella mai iniziata alla Lazio e sui momenti più complicati della sua carriera, dalla fine dell’avventura azzurra a quella al Galatasaray. Queste le sue parole.

Sulla Fiorentina – “Con la Fiorentina ho avuto un rapporto straordinario e penso che come tutti gli allenatori, che per tanti anni lavorano nella stessa società, alla fine mi sono innamorato di quella squadra, sono diventato tifoso dei viola e quindi per me parlare di Fiorentina è sempre un argomento delicato e particolare; sembra che io voglia magari propormi per la panchina ma non è assolutamente così, che tutti stiano tranquilli. Però ripeto sempre che non sarei mai andato via dopo cinque anni ma la storia è questa, le cose sono andate così e l’ho accettato. Se mi dovessero chiamare? E’ abbastanza imbarazzante parlarne perché mi fermano per strada tanti tifosi che mi vogliono bene e mi augurano buona fortuna, ma non dipende da me ma dalla volontà che può avere la dirigenza. La società forse ha voglia di puntare su un allenatore che con loro inizi un percorso a lungo termine. Penso che sia una cosa più logica. Professionalmente la città di Firenze è molto stimolante anche se è difficile perché c’è grande pressione; ma calcisticamente è qualcosa di importante”.

Lazio, Atalanta e Galatasaray – E ancora: “Ho impiegato qualche tempo a capire i fiorentini, ma quando è successo mi sono innamorato. Di loro e della città. Sono qui ormai da 12 anni”.
Sky Sport

Comments

comments