Questi gli argomenti trattati da mister Pioli in conferenza stampa:

Turnover? “Siamo giovani e forti. I ragazzi devono pensare solo alla gara di domenica, solamente io posso avere le idee chiare per tutte e due le partite. La squadra sta bene e la condizione c’è, siamo in grado di affrontare due gare ravvicinate. A parte Pezzella e Mirallas sono tutti disponibili.”.

Le critiche su Chiesa? “Fa bene a mantenere sempre lo stesso atteggiamento a prescindere, deve continuare così sia fuori dal campo che sul campo. E’ un giocatore fortissimo, per la sua velocità subisce tanti colpi. Non è un simulatore, domenica ha subito un fallo in area e non ha neanche protestato. Sembra che alcuni ex giocatori non abbiano giocato a calcio per i giudizi che danno, resto basito… Si dimenticano velocemente delle difficoltà e delle paure, pontificando su tutto e tutti”.

Panini pagati all’autogrill? “Ho fatto il gesto di pagare ma alla fine non l’ho fatto, erano troppi e per questo i tifosi mi hanno chiesto di lasciar perdere. Li ringrazio per il sostegno che ci danno e voglio invitarli prima della partita contro l’Atalanta, quando apriremo le porte dell’allenamento. I tifosi stanno apprezzando l’impegno che la squadra sta mettendo in campo”.

Muriel? “E’ partito molto forte, spendendo tanto. Da quello che ho visto in settimana è riuscito a recuperare, poi ovviamente sarò io a prendere le scelte”.

Simeone? “Giovanni ha fatto delle ottime prestazioni anche prima di gennaio. Dà il meglio di sé quando si aprono gli spazi. Attaccanti come lui, Muriel, Chiesa, Gerson, Pjaca e Mirallas fanno meglio quando passiamo in vantaggio e obblighiamo l’avversario a non chiudersi”.

Fase difensiva dell’Inter? “I numeri parlano di una squadra molto compatta, che comunque preferisce aggredire piuttosto che aspettare”.

La nostra difesa? “Abbiamo difeso bene anche contro la Spal, ma abbiamo sbagliato la gestione di alcune palle. E’ una situazione sulla quale abbiamo lavorato in settimana, dovremo fare attenzione”.

Cosa direbbe Astori alla squadra? “Direbbe con determinazione e semplicità che arriviamo nel momento decisivo della stagione, e che dovremo giocarcelo da Fiorentina”.

Confronto con Spalletti? “E’ un ottimo allenatore, ha sempre allenato squadre più forti delle mie ma ci stiamo avvicinando”.

Pioli e l’episodio dell’autogrill: “Ho fatto solo il gesto di pagare ma alla fine non li ho pagati…”