Tra il Pazzo e la Fiesole la simpatia è vecchia di oltre 10 anni. In viola arrivò da golden boy nel gennaio 2005, segnò subito gol importani ma poi finì per essere sempre sotto esame e per incrinare i rapporti con Prandelli (“Da toscano sente troppo la pressione” diceva). Una giustificazione che a Giampaolo non è mai andata giù. Domenica ci sarà poco tempo per l’amarcord. A Pioli servono punti, ma il Pazzo ha fame di gol

 

Corriere fiorentino

Comments

comments