L’approccio morbido e due errori personali di Astori mettono clamorosamente in salita la partita, con la Fiorentina che per recuperare finisce con quattro attaccanti e troppa confusione in testa. Più frenesia che organizzazione e anche una discreta dote di nervosismo che Babacar rischia di trasformare in un rosso diretto. Passo indietro netto in termini di credibilità, invece dell’auspicato poker di vittorie arriva una sconfitta contro la penultima che ridimensiona il clima di fiducia intorno alla squadra. A dirlo è La Nazione in edicola oggi.

Comments

comments