L’Hellas Verona torna sulla vicenda Balotelli, ma lo fa indirettamente, con un comunicato stampa pubblicato sul proprio sito internet. Una nota, in particolare, per prendere le distanze da Luca Castellini, capo degli ultras gialloblù, interdetto dallo stadio fino al 2030 (di fatto un Daspo). Castellini, leader locale di Forza Nuova, ieri aveva attaccato il giocatore e definito “folklore” i cori razzisti contro l’attaccante del Brescia, aggiungendo che “Balotelli è italiano perché ha la cittadinanza italiana ma non potrà mai essere del tutto italiano”.

Hellas: “Castellini non gradito fino al 2030” Il club scaligero “comunica di aver adottato nei confronti del signor Luca Castellini una misura interdittiva che, proporzionata alla gravità dei fatti, alla luce di quanto previsto dagli artt. 6 e 7 del Codice Comportamentale, essendosi trattato di un comportamento basato su considerazioni ed espressioni gravemente contrarie a quelle che contraddistinguono i principi etici ed i valori del nostro Club, prevede la sospensione di gradimento nei confronti del Signor Luca Castellini da parte di Hellas Verona sino al 30 giugno 2030”.

Repubblica.it