Marko Pjaca, è stato il grande colpo della Fiorentina nell’ultima sessione di mercato, dopo un tira e molla lunghissimo con la società bianconera il calciatore è arrivato a Firenze. La formula è stata molto discussa, a causa di un prestito secco mascherato. Ma non è questo il problema adesso. Su questo è stato giusto parlarne in estate, adesso non serve più, sperando che nel prossimo giugno viola e bianconeri possano trovare un accordo per sancire il definitivo acquisto del croato.

Detto questo, qualcuno ha messo sotto il mirino della critica Pjaca, colpevole, secondo qualcuno, di non essere all’atezza della situazione, di essere troppo fuori forma e ancora fuori dagli schemi di Stefano Pioli.

Chi lo critica però, dimentica che il croato negli ultimi 3 anni ha giocato la bellezza di 27 partite, la maggior parte di queste da subentrato dalla panchina. Si è infortunato un anno e mezzo fa al legamento crociato ed è stato lontano dai campi da gioco per ben 8 mesi, a gennaio dello scorso anno il giocatore è stato mandato in prestito allo Schalke 04 dove ha giocato in totale 7 partite, mai per intero, e non tutte da titolare. Quest’anno non ha svolto la preparazione con la Fiorentina dato che, essendo stato al mondiale con la sua Croazia, è arrivato a Firenze solo ad agosto per iniziare gli allenamenti con la squadra

Cosa significa tutto questo?

Significa che un giocatore che è stato fermo 8 mesi per un infortunio al crociato, che negli ultimi 3 anni ha giocato appena 27 partite in totale e che in più non ha fatto nemmeno la preparazione, è impossibile e impensabile sia già perfettamente in forma e negli schemi di Pioli.

Dispiace dirlo, ma chi sostiene questo, vuol dire che non ha molta dimestichezza con l’argomento calcistico. Chi pensava di avere Pjaca subito perfettamente nella Fiorentina e nelle sue dinamiche tecnico-tattiche vuol dire che non conosce la storia recente del numero 10 viola.

Quello che sta avvenendo è perfettamente normale, sarebbe successo a tutti. Piolo lo sta inserendo nei modi e nei tempi giusti nella Fiorentina, entrare in una nuova squadra non è facile per nessuno, figuriamoci per uno che negli ultimi 3 anni ha giocato pochissimo e che è stato lontano dai campi per 8 mesi per un infortunio al crociato.

Insomma, niente paura. E’ tutto normale. Bisognerà solo aspettare, sperare che non si mettano infortuni muscolari di mezzo (può capitare dopo una lunga inattività). In questo momento solo gli allenamenti e i minuti giocati, il ritmo partita possono aiutare a far tornare, a poco a poco, il vero Marko Pjaca, colui che ha fatto sognare Firenze quest’estate e colui che non più tardi di due stagioni fa, ha fatto litigare Juventus e Milan per il suo acquisto.

Flavio Ognissanti

 

Comments

comments