21 Luglio 2024 · Ultimo aggiornamento: 19:27

Labaro viola: il mondo viola minuto per minuto
Nardella tira dritto sul Franchi, l’intenzione è andare avanti per non perdere i milioni già assegnati 
Rassegna Stampa

Nardella tira dritto sul Franchi, l’intenzione è andare avanti per non perdere i milioni già assegnati 

Redazione

3 Maggio · 09:55

Aggiornamento: 3 Maggio 2023 · 09:55

Condividi:

Il sindaco Dario Nardella continua a chiedere al governo i 55 milioni che l’Unione Europea toglierà alla ristrutturazione del Franchi e per la prima volta apre a un cantiere per lotti, a step, via via che arriveranno i finanziamenti. Per adesso solo un’idea, sottolineano da Palazzo Vecchio, anche perché la scadenza di giugno 2026 è imposta dal Pnrr, e la strada maestra resta quella di reclamare i fondi che erano stati assicurati anche perché la gara va avanti ed entro il 13 giugno le imprese dovranno presentare le offerte.

Nardella ieri mattina ha parlato ai microfoni di Controradio . «La Fiorentina ha ribadito, con le parole autorevoli del patron Commisso che non investirà sull’impianto. Sui 55 milioni, di finanziamento tolti dall’Europa, credo che il governo non possa non prendersi l’impegno a trovare una soluzione per sostituire queste risorse — ha affermato il sindaco — A me non interessa alimentare polemiche o discussioni. C’è una gara pubblica in corso e il vincolo non è solo dalla Soprintendenza ma c’è un decreto ministeriale».

E ha aggiunto: «Sono già state inviate le comunicazioni alle ditte per la presentazione delle offerte che arriverà entro queste settimane, dopo di che attribuiremo la progettazione esecutiva, e affideremo la realizzazione dei lavori». Ma se i 55 milioni non arriveranno, i lavori si fermano? «Abbiamo fatto molte opere pubbliche in vari step. Si guardi al teatro dell’Opera, è un successo della nostra città, il progetto era unico, complessivo, ed è stato fatto a step ovvero via via che arrivavano i finanziamenti veniva completato — ha risposto — A noi manca solo una parte minoritaria del budget, 130 milioni di abbiamo, e quindi intanto partiamo: non è che stiamo fermi e aspettiamo che risolvano il problema dei 55 milioni».

In attesa di capire cosa farà il governo — Salvini ha ribadito che non arriveranno soldi pubblici, FdI non si è espressa, il ministro dello sport Abodi ha affermato che «servono 1,5 miliardi per stadi sicuri e accessibili per Euro 2023», per cui è candidato anche il Franchi — resta il problema dell’area extra stadio, del bando da 70 milioni di investimenti privati che deve ancora partire. E Michele Pierguidi, presidente del Quartiere 2, parlando il primo maggio a Rtv38 , si è sbilanciato: «Le parole di Commisso, che dice che non metterà un euro, pongono la parola fine su quanto avrebbe dovuto sorgere accanto al Franchi. Secondo me non ci saranno più né centro commerciale né albergo, ma il Comune si concentrerà solo per realizzare lo stadio. Invece dove adesso ci sono i Campini ci potrebbe essere un bellissimo parco». Infine sul Viola Park, il sindaco di Bagno a Ripoli, Francesco Casini ha assicurato: «Il problema della sosta non ci sarà: sarà messo a disposizione un parcheggio provvisorio che servirà a tutti coloro che vorranno visitare il Viola Park». Lo scrive il Corriere Fiorentino.

LEGGI ANCHE, LA FIORENTINA GESTIRÀ I 26 MILA BIGLIETTI PER LA FINALE. RIFINITURA A FIRENZE. TOTTI, TONI E DEL PIERO TESTIMONIAL

La Fiorentina gestirà i 26 mila biglietti per la finale. Rifinitura a Firenze. Totti, Toni e Del Piero testimonial

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Testata giornalistica | Autorizzazione Tribunale di Firenze n.6004 del 03/11/2015
Edimedia editore | Proprietario: Flavio Ognissanti | P. IVA: IT04217880717

© Copyright 2020 - 2024 | Designed and developed by Kobold Studio