fbpx
9 Agosto 2022 · 06:47
21.7 C
Firenze

Al Museo del Calcio un set per un documentario su Davide Astori

Il Museo del Calcio è il set del documentario su Astori: ruota attorno alla realizzazione del murale

astori
Firenze, stadio Artemio Franchi, Foto Fiorenzo Sernacchioli. Copyright Labaroviola.com

Il Museo del Calcio, che raccoglie i cimeli e la storia della Nazionale, è diventato il set per un documentario che ricorda Davide Astori. 

Sono state realizzate delle interviste per il documentario che ruota attorno alla realizzazione del murale per Astori, ideato dalla Fondazione Cure2Children in collaborazione con il Comune di Firenze. Il documentario è prodotto dalla rivista Edera. 

Maurizio Francini, direttore del Museo del Calcio, ha portato il ricordo di Davide Astori e dei suoi valori in campo e nella vita. 

Il Museo del Calcio “custodisce” anche la maglia azzurra di Davide Astori, la n.13, indossata in occasione della partita amichevole Italia-Germania (0-0), giocata a Milano il 15 novembre 2016. 

Il murale, che verrà realizzato dall’artista siciliano Giulio Rosk, grazie ad una campagna di crowdfunding attualmente attiva sulla piattaforma GoFundMe (https://www.gofundme.com/f/muraleastori), occuperà una parete di 240 metri quadrati in via Canova n°166 a Firenze. Sarà un modo per ricordare Astori, il suo impegno umanitario e incoraggiare i sogni di tutti i bambini. 

Fervono gli ultimi preparativi per la riapertura in sicurezza del Museo del Calcio. Sabato 1° maggio la struttura museale, alle porte del Centro Tecnico Federale di Coverciano, sarà pronto per accogliere i visitatori con nuovi percorsi e nuovi spazi espositivi.  

E’ necessaria la prenotazione per il fine-settimana. Questa è richiesta anche durante la settimana per pacchetti riservati agli istituti scolastici e alle società sportive. Contatti per prenotare: info@museodelcalcio.it e tel: 055 600526.

LEGGI ANCHE, INNOCENTI, 1′ ALL.VENUTI: “LORENZO PER ME COME UN FIGLIO. DA PICCOLO AVEVA PIÙ FAME DI TUTTI”

Innocenti, 1′ All.Venuti: “Lorenzo per me come un figlio. Da piccolo aveva più fame di tutti”

 

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

CALENDARIO