1 Agosto 2021 · 00:12
28.7 C
Firenze

Innocenti, 1′ All.Venuti: “Lorenzo per me come un figlio. Da piccolo aveva più fame di tutti”

Il primo allenatore di Lorenzo Venuti ci racconta

 

Per parlare del momento viola e della crescita del calciatore Lorenzo Venuti, Labaroviola ha contattato in esclusiva Loris Innocenti, il primo allenatore del giovane della Fiorentina.

Buongiorno Loris, ci racconti di quando hai allenato Venuti?

“Premetto che per me è come un figlio. Ho avuto modo di allenare Lorenzo nelle giovanili del Club Incisa, dalla scuola calcio ai Pulcini e nel dettaglio fra i sei ed i nove anni. Ho potuto seguire il suo percorso fino ai tornei nei quali era presente anche la Fiorentina coi propri osservatori. Ricordo un torneino in particolare, allo stadio Franchi prima di Fiorentina-Ascoli. I viola non se lo fecero scappare..”

Lorenzo Venuti nelle giovanili viola

Cosa hai cercato di trasmettergli e che bambino è stato?

“È stata mia premura da sempre istruire i ragazzi nel rispetto degli impegni presi per la squadra e verso avversari ed istruttori. Lorenzo era quello che più di tutti trascinava gli altri, aveva fame di vittoria e di arrivare”

Quali erano le sue caratteristiche in campo?

“Faceva tutto, erano anni in cui giocavamo a 5 oppure a 7, campo piccolo quindi. Ma Venuti correva per tutto il campo in lungo ed in largo, spesso lo dovevamo fermare e dirgli che non poteva fare tutto da solo”

Hai visto la gara di domenica e come giudichi il suo rendimento in campo?

“Ho visto tutto il primo tempo ed ha dimostrato ancora una volta di poter dire la sua nella categoria ed anche nella Fiorentina. Ha avuto solo un’esitazione quando gli si è frapposto Cristiano Ronaldo. Ha fatto la sua partita senza remore, sentiva questa giornata da vero tifoso viola. Penso che se ci fosse stata la gente allo stadio avrebbe potuto rendere ancora di più”.

Siete ancora in contatto?

“Capita di vedersi, è molto amico di mia figlia e si vedono coi rispettivi compagni. Era a casa mia il giorno di Pasquetta, un caffè insieme e tanti ricordi..”

A chi lo paragoni in campo?

“Potrebbe ricordare Mattia De Sciglio per come si muove in campo. Ma per me è Lorenzo Venuti, spero che non si accontenti mai e che spinga per migliorarsi sempre, come in occasione dell’azione che portò al rigore di Bonaventura”

Marco Collini

LEGGI ANCHE:

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

CALENDARIO