Un doppio show, quello di Muriel che alla sua prima amichevole con la Fiorentina – Pioli lo ha mandato in campo nella prima gara del triangolare, lasciando a Simeone spazio nella seconda – segna in ogni modo, su rigore, da fuori e da dentro l’area, e anche di Federico Chiesa, che prima si procura un rigore e poi mette lo zampino su tre assist, di cui uno addirittura di tacco.

La Fiorentina vince il Visit Malta Tournament, triangolare che di fatto ha chiuso il mini litio invernale nell’isola del Mediterraneo: 8 gol spalmati in due gare, coppa sollevata da German Pezzella e diverse indicazioni in vista della ripresa del calcio che conta.

Non ha segnato invece Simeone, prima sfortunato, con Haber prontissimo a chiudere l’angolino basso della porta sulla sua incornata su cross di Biraghi, poi impreciso nel non sfruttare uno spunto interessante di Pjaca. Il croato è l’altro nervo scoperto della squadra viola: diversi errori nei 45 minuti e un palo. Niente di grave invece per Biraghi, uscito a scopo precauzionale per una botta alla caviglia.

Adesso toccherà a Pioli fare tutte le valutazioni del caso. Muriel non ha perso tempo e quel suo saper essere esplosivo lo ha mostrato subito, per altro evidenziando un feeling con Federico Chiesa già importante.

Corriere dello Sport