Come riporta La Nazione, il momento nero di Kalinic, che ha anche subito un furto in casa proprio il giorno del suo rientro in Croazia, è comunque uno degli argomenti centrali qui a Moena, anche perché la società non ha stabilito il giorno dell’eventuale rientro del giocatore in gruppo. Una situazione difficile da spiegare: come se la Fiorentina non considerasse più Kalinic un proprio tesserato, ma nello stesso tempo volesse ricordargli che senza 30 milioni sul tavolo resterà qui.

Comments

comments