di Paolo Lazzari

Un autentico toccasana. Gabriel Omar Batistuta, una leggenda dalle parti di Firenze e non soltanto, questo è stato per la squadra, nella giornata di ieri. La sua visita a sorpresa all’allenamento, quelle parole scambiate con tutti e, in particolare, con Pezzella e Simeone, il confronto con Pioli, i sorrisi, i consigli, il carisma tracimante: quanto pesa tutto questo, in un momento così emotivamente difficile, per la Fiorentina.

Anche i tifosi lo adorano, e non potrebbe essere altrimenti. Domani, intanto, è fissato il suo rientro in Argentina. L’auspicio, a questo punto, è che sia soltanto temporaneo. Perché Firenze ama Batistuta e Batistuta ama Firenze: un nuovo matrimonio con l’ex centravanti sarebbe l’ultimo tassello utile per il rilancio dell’immagine del club. Vedere Bati accanto ad Antognoni, ieri, ha fatto brillare gli occhi a migliaia di tifosi. Allora, Della Valle, apponiamo quest’ultimo tassello. Identificare la Fiorentina con l’immagine di Batistuta nel mondo. e viceversa, porterebbe vantaggi incalcolabili.

Ed il popolo viola vuole che il Re Leone torni a casa: sì, possiamo farlo. Facciamolo.

Comments

comments