La Fiorentina, dopo la prima amichevole stravinta contro il Team Val di Fassa, continua a lavorare nel ritiro di Moena. Fra le indicazioni che arrivano da questi primi giorni di ritiro, la più interessante è senza dubbio quella relativa all’impiego di David Hancko. 

Il difensore slovacco, infatti, è stato a più riprese impiegato nell’inconsueto ruolo di terzino sinistro, già a partire dai primi giorni di ritiro. Anche nella prima uscita stagionale, contro i dilettanti della selezione locale, il ragazzo classe ‘97 è stato riproposto sull’out di sinistra: dove ha convinto per la rapidità, la precisione nelle chiusure e l’abilità nell’inserimento, dote non certo scontata per uno che nasce come centrale difensivo. 

Percorso inverso, invece, per Maxi Olivera. L’uruguaiano, infatti, è stato dirottato verso il centro sinistra, proprio allo scopo di far posto all’emergente slovacco. La sorprendente intuizione di Pioli, in attesa di ulteriori sviluppi, ha tutto il sapore di una meritata investitura per il primo e dell’ennesima bocciatura per il secondo. 

Dall’inviato a Moena, Gianmarco Biagioni

Comments

comments