Tre punti importantissimi, forse insperati, ma meritati dal Toro. I granata vincono 1-0 contro l’Inter al termine di una partita di cuore, cinismo e sofferenza – tornando ad un successo casalingo contro i nerazzurri che mancava dal 1994. Granata ordinati, bravi a colpir nel miglior momento nerazzurro con Ljajic e a difendersi con i denti (strepitosa prova di Nkoulou e De Silvestri) quando c’è stato da soffrire. Prestazione matura dei granata, che piazzano la terza vittoria consecutiva al termine di una prova di assoluto spessore.

PRIMO TEMPO – Il Toro – schierato ancora con il 3-4-1-2 da Mazzarri – parte ordinato, e nei primi 10′ riesce a far girare molto bene il pallone. Baselli si abbassa su Brozovic e Ljajicè bravo a non dare punti di riferimento alla difesa nerazzurra. Il primo squillo arriva proprio dai piedi del serbo, ma sul suo bel lancio Iago parte leggermente in ritardo. L’Inter, però, ci mette poco ad uscire – e al quarto d’ora ci vuole un super Sirigu a salvare sul tentativo di Icardi. I nerazzurri sono pericolosi soprattutto sui calci piazzati, il Toro si chiude ma ha difficoltà sui saltatori avversari, e solo la traversa nega a Perisic il gol dopo un corner battuto sul secondo palo. Nel momento di maggiore difficoltà, al 35′, il Toro va in vantaggio: Belotti porta palla in transizione, tarda il passaggio e si fa rimonta da Perisic, il quale però serve involontariamente De Silvestri – il cui traversone è preciso e permette a Ljajic di segnare davanti alla porta l’1-0 granata. Un buon Toro, ordinato e cinico, chiude in vantaggio il primo tempo contro l’Inter.

RIPRESA – L’Inter entra carica nella ripresa, ma la prima enorme occasione è del Toro – dopo 10′: punizione perfetta di Ljajic dal lato corto e girata spettacolare di De Silvestri, con Handanovic costretto al miracolo in angolo. Chance pazzesca per il raddoppio granata. Neanche il tempo di riprendersi, che il Toro accarezza di nuovo il 2-0: grandissima transizione di Ansaldi, che fa 70 metri palla al piede e serve Ljajic in area, ma il serbo da posizione defilata non riesce ad inquadrare la porta. L’Inter reagisce come da canovaccio cercando di sfruttare le palle inattive, e al 20′ Nkoulou si traveste da supereroe, andando a salvare in voleè il colpo di testa di Miranda sul quale stava per arrivare Gagliardini. Il Toro soffre in questa fase, sempre sui calci piazzati, ma per fortuna dei granata quando non ci arriva Sirigu ci pensa il palo a dire no a Rafinha.  Il Toro si difende a riccio, De Silvestri non sbaglia una diagonale e Nkoulou è insuperabile. Mazzarri mette dentro Edera e Acquah per gli ottimi Iago e Baselli, e alla fine anche Valdifiori. Il Toro regge, l’Inter non punge: il tabù nerazzurro è sfatato.

Toronews.com

Comments

comments