Dopo l’ennesimo strappo di Nikola Kalinic nei confronti della Fiorentina, la società viola ha deciso di adottare la linea dura nei confronti del giocatore croato, multandolo secondo il regolamento societario dopo l’assenza dell’allenamento di ieri. Assenza non giustificata, per intendersi. Già ai tempi di Moena, l’attaccante aveva fatto qualche bizza sotto copertura,partendo per la Croazia tra problemi familiari e grande voglia di Milan.

Adesso però la Fiorentina si è stufata ed è l’ora che la situazione si risolva. Mirabelli e Fassone sono chiamati all’ultimo sforzo per accontentare il club gigliato e chiudere una telenovela che sta andando troppo per le lunghe. Un giocatore che tutti sapevano sarebbe partito ormai dallo scorso gennaio, quando rifiutò la Cina, su richiesta espressa anche della moglie, in attesa di trovare una nuova collocazione. Ora il Milan è più vicino, anche se le garanzie fornite ieri dai dirigenti, non hanno convinto definitivamente Corvino, tanto che la trattativa è stata rimandata a oggi.
Corriere fiorentino

Comments

comments