23 Gennaio 2021 · 05:36
10.7 C
Firenze

LAFONT, PASALIC, PJACA… LA FIORENTINA E’ FATTA. ADESSO MANCA FIRENZE. L’EDITORIALE DI STEFANO BORGI.

Autocitarsi è sempre sbagliato. E’ una regola, non scritta, del giornalismo. E quindi facciamo subito ammenda. Però, quando giorni fa citavamo la hit di Loretta Goggi: “Maledetta Primavera”, non lo facevamo a caso. Tanto per dire. Sopratutto l’incipit del ritornello: “Che fretta c’era”, nascondeva una speranza, un auspicio. Allo stesso tempo una convinzione. Che oggi 2 luglio, giorno del raduno, acquisisce forza e spessore: la nuova Fiorentina 2018-2019 è fatta, almeno negli undici titolari. Poi si farà la rosa. Ma Pioli, all’80%, ha in mano la Fiorentina del futuro. Prima del ritiro di Moena.

Ma andiamo con ordine. Prendiamo gli 11 dell’anno scorso: all’appello mancano il portiere (Sportiello), il centrocampista centrale (Badelj), l’esterno sinistro (mister x), visto che in quel ruolo si alternavano Saponara, Gil Dias, Thereau, Babacar, Falcinelli. E come avrebbe detto mia nonna: “accidenti ai’ meglio”. Manca l’ufficialità, ma tra i pali arriverà Alban Lafont. Classe 1999, prospetto a detta di tutti eccellente, definito il Donnarumma (senza fratello a carico) di Francia. Come centrocampista il nome è quello di Mario Pasalic. Un passato nel Milan, proveniente dal Chelsea, un nome (Mario), lo ammettiamo, per niente rassicurante. Comunque di qualità. E fin qui, siamo alle certezze. Manca il mister x che dovrebbe rispondere al nome di Marko Pjaca. Nome simile a Mario, ma non uguale, presente al mondiale dove la sua Croazia è appena approdata ai quarti. Se non c’è ancora l’ufficialità è anche per questo, perchè il mondiale è ancora in corso. E (poniamo il dubbio) chi glielo fa fare a Corvino di prendere un calciatore che, facciamo le corna, potrebbe infortunarsi? Aspettiamo, ma il croato (opzione o non opzione su Chiesa) sembra davvero il prossimo esterno/trequartista della Fiorentina di Pioli. E, credeteci, poteva andare peggio.

Proviamo allora a giocare (il calcio è un gioco, il mercato è un grande gioco) con nomi e ruoli. Modulo 4-3-3, trasformabile in 3-4-3, o ancora in 3-4-1-2: Lafont in porta. Milenkovic, Pezzella, Vitor Hugo i tre centrali di difesa, Biraghi jolly alla Alonso. Che, alla bisogna, trasforma la difesa a 4 (in fase difensiva) in una a tre (in fase offensiva). A centrocampo: da dx a sx Benassi, Pasalic e Veretout. Con Biraghi quarto a sinistra, all’occorrenza. In attacco Simeone prima punta, e non si discute. Chiesa esterno a destra (o a sinistra, per sfruttare il piede invertito), Marko Pjaca esterno dalla parte opposta. Oppure, per venire incontro ad un sogno tattico di Pioli (l’uso del trequartista) centrale dietro a Simeone e lo stesso Chiesa seconda punta. In panchina, riserve sicure (nel senso, affidabili): Laurini, Hancko, Dabo. In totale 14 calciatori, pochi per il campionato, pochissimi per campionato ed Europa League. Al netto dei vari Gori, Sottil, Ranieri, tutti da provare, tutti da sperimentare. Insomma, la Fiorentina dei titolari è fatta, la Fiorentina delle riserve ancora no. Ma almeno Pioli potrà cominciare a tessere il proprio disegno tattico, a dispetto di chi diceva che a Moena non avrebbe messo in campo 22 giocatori. Neppure per fare una partitella 11 contro 11.

Adesso, dopo la Fiorentina sul campo (ripetiamo ed ammettiamo per i più scettici, ancora non completa…) bisogna fare Firenze. Saremo monotoni, ma predichiamo pazienza. Molta pazienza. Il ritiro comincia il 7 luglio, la prima partita ufficiale sarà il 26 luglio (quasi tra un mese), la prima di campionato il 19 agosto. Praticamente tra 50 giorni. E allora torniamo al nostro refrain: “Che fretta c’era?” Anzi… “Che fretta c’è?”. Intanto ci sono gli undici (diciamo i dieci), il resto verrà dopo. C’è un mondiale da finire, da valutare, c’è un tesoretto da ottimizzare. Senza frenesie, senza farsi prendere per la gola. Firenze tifosa (una tantum) aspetti, abbia pazienza, aiuti Corvino. Aiuti la Fiorentina. Non se ne pentirà.

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

Papu-Siviglia fatta? Monchi frena: “Ci stiamo lavorando, ma c’è ancora molta strada da fare”

Monchi è intervenuto ai microfoni di Sportitalia per commentare la trattativa Gomez-Siviglia

Di Marzio, Fiorentina, resiste la tentazione Malcuit del Napoli: potrebbe essere il rinforzo per la difesa

Per completare la rosa della Fiorentina manca principalmente un terzino destro. La partenza di Lirola direzione Marsiglia ha lasciato un buco nella squadra viola...

CALENDARIO