Fuori tutti, o quasi. Questo è stato l’ordine di Stefano Pioli al suo arrivo a Firenze come nuovo allenatore viola. Subito mandati via Tello, De Maio e Salcedo, per ora. Calciatori che Corvino avrebbe volentieri riscattato. Ma siamo solo all’inizio, stesso destino per Tatarusanu, Badelj, Milic e magari Tomovic. Per questi però il discorso è diverso perché dipende dalle offerte che arriveranno, se arriveranno.

In difesa la rivoluzione è stata vera e propria e ormai è quasi completata. Sulla destra ci sarà Bruno Gaspar che sarà il titolare con un giovane terzino viola a fargli la panchina (Venuti, Scalera?). Al centro della difesa ci saranno Vitor Hugo e Astori, con Diallo del Monaco ad un passo dall’arrivo, Milenkovic e non è da escludere l’arrivo di un esperto come Paletta a fare da panchina ai due centrali. A sinistra sarà confermato Olivera con un altro terzino che potrebbe arrivare. In questo modo la difesa è praticamente rivoluzionata e quasi completata.

A centrocampo certi di restare sia Vecino che Borja Valero. Negli ultimi giorni qualche giornale si è divertito a raccontare altro sul giocatore spagnolo ma non c’è assolutamente nulla che faccia pensare ad una sua cessione. Badelj potrebbe andare via ma offerte non sono arrivate, anche se continuano ad arrivare le chiacchiere del suo procuratore che però si dovrebbe preoccupare più di portare offerte valide e che di parlare.

Anche in attacco sarà rivoluzione, praticamente bloccato Simeone, si venderà Kalinic (Milan?), resterà Babacar e in più si cercherà un attaccante esperto che possa fare da chioccia e che possa permettere anche di giocare con due punte nel caso di bisogno. Di Marzio ha parlato di Borriello, adesso toccherà al centravanti del Cagliari decidere.

Il caso in cui tutto potrebbe cambiare negli acquisti è quello di Bernardeschi. In caso di sua cessione allora la Fiorentina potrà pensare a qualche acquisto diverso e di giocatori di spessore. Da Roma spesso hanno parlato di El Shaarawy ma per adesso non c’è veramente nulla di concreto.

 

Flavio Ognissanti

Comments

comments