A ritardare il suo arrivo a Firenze ci si è messo pure il traffico. Alla fine di una giornata lunghissima, alle 19:30 l’argentino ha varcato il cancello del centro sportivo. Dall’Argentina è arrivata la zia, avvocato, e lo ha raggiunto pure il suo agente, Leo Rodriguez, che fin dall’inizio ha lavorato per questa operazione. Subito le visite mediche (una seconda parte si terrà questa mattina presto) nonostante l’orario, per permettere al giocatore di aggregarsi al resto della squadra già oggi. Alle 20.30 è arrivato l’annuncio dell’ufficialità del trasferimento di Simeone a titolo definitivo. “Simeone raccoglie l’eredità dei grandi bomber sudamericani, da Batistuta all’ “Artillero” Petrone, da Edmundo a Montuori, campioni che hanno giocato con la maglia viola e che hanno contribuito a rendere la maglia viola famosa in tutto il mondo”. Un investitura importante, per un calciatore che costerà complessivamente 18 milioni e si è legato ai viola fino al 2022. Già a segno questa stagione, domenica in Coppa Italia, anche a Genova aveva conquistato tutti.
Corriere dello Sport

Comments

comments