La Nazione, una Fiorentina spenta ed impaurita a San Siro ma non esce dal campo ridimensionata

L'analisi della Nazione, la squadra di Pioli avrebbe meritato il gol della bandiera. Poteva crollare dopo i due gol ma non lo ha fatto

0
161

Basta una mezz’ora di bel calcio all’Inter targata Spalletti per piegare la giovane ma coraggiosa Fiorentina di Stefano Pioli. L’uno-due di Maurito Icardi nel primo quarto d’ora è micidiale (rigore al 4’, spettacolare colpo di testa al 15’), abbatte i viola che però hanno la forza di rialzarsi e mettere in difficoltà i rivali nella ripresa, fin quando dal possibile 2-1 (palo di Veretout) si passa al definitivo 3-0 grazie ad un colpo di testa di Perisic. Fiorentina spenta ed impaurita del primo tempo esce da San Siro battuta ma non ridimensionata: altre squadre sarebbero crollate dopo i due cazzotti iniziali, i toscani, grazie anche alle qualità dei suoi giovani (Eysseric e Simeone su tutti), sono invece rimasti in partita mettendo alle corde gli avversari nella ripresa, ed avrebbero meritato il gol della bandiera.

La Nazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui