10 Luglio 2020 · 01:52
21.3 C
Firenze

La Fiorentina ha un grosso problema che Pradè a gennaio ha solo peggiorato. Sul mercato…

Anche contro la Lazio è apparsa forte la sensazione che la Fiorentina non abbia un centravanti all'altezza della situazione

di Flavio Ognissanti

Oltre la vergogna arbitrale della partita di ieri sera contro la Lazio, ciò che emerge è anche la grave mancanza della Fiorentina in attacco alla voce bomber. La squadra viola non ha un centravanti all’altezza della situazione.

La gara di ieri è emblematica, con la Fiorentina che domina per 60 minuti la Lazio in casa sua e che non riesce a segnare e a chiudere la partita. Ma anche contro il Brescia è mancato l’esser cinici davanti al portiere. Lo ha fatto notare anche Iachini, non puoi tirare 20 volte in porte creando diverse situazioni d’attacco e non fare gol. Ma il campionato viola è ricco di partite in cui è emerso forte questo problema.

Vlahovic è un ragazzo dal sicuro avvenire, ma ad oggi fa tanta fatica a segnare. Dall’inizio del campionato ha segnato 5 gol su azione. Non male per un ragazzo classe 2000 ma indubbiamente non possono, per ora, affidarsi a lui le pretese realizzate della squadra.

Putroppo a gennaio Daniele Pradè ha sbagliato il colpo Cutrone, inutile girarci intorno. Lo avevamo detto a gennaio e lo ripetiamo adesso, Cutrone non è assolutamente quello di cui la Fiorentina aveva bisogno. Servivano gol, non l’ennesima scommessa/speranza.

Il nostro giovane su cui scommettere e che bisogna lanciare c’è e si chiama Dusan Vlahovic. Perche affiancare al serbo un altro giovane che nella sua carriera, tolto il primo anno al Milan, ha sempre fatto fatica a segnare e ad imporsi?

Fino ad ora Cutrone ha segnato la bellezza di zero gol in campionato ma a preoccupare non è la scarsa vena realizzativa dell’attaccante ex Milan ma la scarsa incisività nei movimenti e sotto porta. Cutrone non è mai stato pericoloso nelle partite giocate.

Nelle prossime due partite, complice l’assenza di Vlahovic per squalifica, toccherà a Cutrone giocare titolare. Parlare di ultima chiamata per l’attaccante è sbagliato ma saranno due esami importanti per Patrick.

A gennaio sarebbe stato meglio puntare su un centravanti affermato e capace di segnare gol sicuri. Serviva questo tipo di profilo soprattutto per permettere a Vlahovic di crescere con calma senza troppe pressioni. L’investimento di Cutrone non è stato un esborso da poco, ben 20 milioni di euro per il riscatto dell’attaccante.

Questa Fiorentina non è una squadra irresistibile e ha dei difetti ma se a questa squadra ci aggiungi un attaccante da 15 gol a stagione allora anche la classifica e le ambizioni sarebbero state ben diverse. Basti pensare al fatto che la zona Europa League è distanza 10 punti. Quei punti che un buon attaccante avrebbe sicuramente portato alla causa.

Sul mercato pare sia emersa questa grave mancanza e da qui iniziano a circolare i primi nomi. Si fa un gran parlare di Belotti e negli ultimi giorni è circolata anche l’ipotesi Higuain. La verità è che, per ora, visto che non si conosce ancora il nome del prossimo allenatore della Fiorentina, parlare di nomi e di mercato è assai complicato. Ma comunque resta la certezza che questa grave mancanza deve essere colmata.

 

CONDIVIDI

2 Commenti

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ULTIMI ARTICOLI

Juric chiude alla Fiorentina: “Sto per rinnovare con il Verona. Amrabat il più forte”

Intervistato da SKY Sport, Ivan Juric, tecnico dell’Hellas Verona, ha così commentato il pareggio contro l‘Inter, queste le parole riportate da Alfredopedullà.com: “Volevamo fare una grande gara...

Di Gennaro: “Chiesa? Ha più colpe lui del club viola. Non prenderei De Rossi alla Fiorentina”

"Più colpe nel caso Chiesa del club o sue? Penso più del calciatore - ha detto Antonio Di Gennaro a TMW -. È in...

CALENDARIO