Nikola Kalinic avrà il Milan a stretto giro di posta. Si trattava solo di capire quando sarebbe arrivato il via libera sulle garanzie chieste dalla Fiorentina. E su un pagamento che non deve essere troppo dilazionato per andare incontro alle esigenze del club viola. Ribadiamo un concetto: l’accordo sulla cifra base (25 milioni, con uno sconto sui bonus chiesti inizialmente) persiste da giorni, non è certo una svolta di poche ore fa. La differenza tra condizioni accettate (e sono state accettate dalla Viola) e garanzie è sostanziale.

Soltanto dopo le garanzie, che vanno fornite da un istituto bancario e che la Fiorentina aspettava già dopo le 22, verrà dato il via libera all’operazione. Cosa che avverrà sicuramente, ma ribadiamo il concetto per frenare il sensazionalismo di chi ha venduto come novità assoluta un accordo che era già stato raggiunto, a voler tacere di chi parlava di questione di minuti e visite imminenti. Quando la famosa mail arriverà (potrebbe essere inviata già domani anche se le banche sono chiuse), Kalinic sarà libero di lasciare la Croazia e organizzare la partenza per Milanoin modo da sottoporsi alle visite mediche all’inizio della prossima settimana.

 

Alfredopedullà.com

Comments

comments