23 Ottobre 2021 · 01:18
13.7 C
Firenze

Juric umilia Gasperini in casa sua. Atalanta-Verona 0-2. Il racconto della partita

Prima Veloso poi Zaccagli. Il Verona fa due gol e ne subisce zero. Il racconto della vittoria gialloblù contro l'Atalanta di Gasperini

L’allievo batte il maestro, almeno per una sera. Il Verona di Ivan Juric vince a Bergamo con un secco 2-0: prova difensiva maiuscola della formazione di Juric, che regge l’urto dell’Atalanta per un’ora e poi colpisce con Veloso (rigore) e Zaccagni. Alla Dea, forse, sono state fatali le fatiche di Anfield.

Gian Piero Gasperini deve fare a meno di diversi uomini ma non rinuncia a Gomez e Ilicic, che giocano alle spalle di Zapata. Juric schiera una squadra speculare, con Zaccagni e Barak sulla trequarti e Di Carmine davanti. Il match è subito piacevole, i ritmi sono alti. L’Hellas è praticamente perfetto nei primi 25′: gli ospiti difendono con ordine e provano a ripartire, anche se il primo squillo è dei nerazzurri. Gomez recupera palla sulla trequarti e serve Zapata, che apre per lo sloveno: con il corpo all’indietro, la conclusione col mancino sorvola la traversa.

Poco dopo la mezzora Juric deve rivedere i piani: Lovato è costretto ad alzare bandiera bianca per un problema muscolare. Al suo posto entra il centrocampista Danzi, che va a posizionarsi nella stessa zona di campo. E il Papu prova subito ad approfittarne: finta a rientrare e conclusione potente, respinta e poi bloccata dal sempre attento Silvestri.

L’Atalanta crea e spreca, Veloso colpisce la traversa – Tra fine primo tempo e inizio ripresa l’Atalanta spinge sull’acceleratore alla ricerca del vantaggio. La retroguardia degli scaligeri resiste all’urto con un po’ di fortuna. È un assedio continuo, contenuto dai miracoli di Silvestre e da alcuni salvataggi provvidenziali sulla linea di porta. I gialloblù però sono vivi e lo dimostrano al 53′: Veloso, subentrato a Danzi (bocciato da Juric), colpisce una clamorosa traversa da fuori area. È il nono legno colpito in campionato dall’Hellas.

I bergamaschi continuano nel forcing e mantengono alta la pressione, ma al 60′ pagano una distrazione difensiva. Zaccagni trova un pertugio sul lato sinistro dell’area, Toloi lo travolge e Massa concede il rigore, trasformato in modo esemplare da Miguel Veloso.

Gasperini prova a mischiare le carte, inserendo Muriel e Lammers, mentre Juric continua a perdere pezzi: si fa male anche Ceccherini, al suo posto entra Favilli (un attaccante al posto di un centrale), che va subito vicino al 2-0 con una bella conclusione da fuori area. Raddoppio che arriva comunque, in contropiede: Veloso gestisce sulla trequarti, poi apre improvvisamente per Zaccagni (che chiude la partita da esterno sinistro), implacabile davanti a Sportiello. È il sigillo all’ennesima prova di squadra. Il Verona vince e convince, più forte della sfortuna. Lo scrive Tuttomercatoweb.

CUTRONE NON GIOCA MAI? IL MOTIVO NON È IL RISCATTO. LA SPIEGAZIONE IN UNA FRASE DI PRANDELLI

Cutrone non gioca mai? Il motivo non è il riscatto, la spiegazione in una frase di Prandelli

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

CALENDARIO