La Serie A cavalca l’effetto Cristiano Ronaldo e rilancia: per la seconda stagione consecutiva supera il miliardo di euro in nuovi acquisti e resta l’unica lega delle top 5 d’Europa ad avvicinarsi all’opulenza della Premier League.

A poche ore dallo stop ai trasferimenti, le società della A hanno già speso 1005,9 milioni: c’è tempo fino alle 20 di venerdì per superare i 1.037,73 milioni della scorsa estate e diminuire il gap con le società inglesi, che hanno chiuso la finestra estiva oltrepassando quota 1.400. Restano indietro Liga (778), Bundesliga (447) e Ligue 1 (405).

La parte del leone, come era facile prevedere, continua a farla la Juventus, che ha speso quasi un quarto di quel miliardo: 234,9 milioni complessivi, includendo anche i 40 versati al Bayern per riscattare Douglas Costa. Una cifra mostruosa, addirittura superiore ai ricavi del 2017 di Napoli (200,7 milioni secondo Deloitte) e Roma (175 milioni).

Sono dei bianconeri i primi due acquisti più costosi dell’estate: oltre ai cento milioni per Ronaldo, ci sono anche i 40,4 investiti su Cancelo. L’obiettivo è chiaro e ormai anche dichiarato: vincere la Champions League.

Segnali importanti anche dalle principali concorrenti dei bianconeri, che provano a non perdere ulteriore terreno e, se possibile, accorciare la distanza. Roma e Napoli sono sul podio della classifica del mercato. I giallorossi, considerando l’ultimo colpo N’Zonzi, hanno speso finora 112,95 milioni per 12 acquisti. Il Napoli risponde con Fabian Ruiz (30), Meret (25), Verdi (23 più 2) e Malcuit (12) per un totale di 95,5 milioni complessivi.

Hanno sborsato qualche milione in meno Inter (85,5) e Milan (81), ma le due società sarebbero più in alto se si tenesse conto delle cifre previste per esercitare i diritti di riscatto di calciatori come Vrsaljko (6,5 milioni per il prestito e 17,5 per il diritto di riscatto), Keita (5+34), Politano (5+20), Bakayoko (5+35) e Higuain (18+36).

Subito dopo le cinque “big” c’è il Torino, sesto, che sfiora i 50 milioni di acquisti (49, per la precisione). Izzo e Meité sono i colpi più costosi, 10 milioni ciascuno. Nel bilancio degli investimenti pesa anche il costo del riscatto di Niang dal Milan, 12 milioni. Dietro al Toro, troviamo la Lazio (43 milioni), il Genoa (40,2), poi l’Udinese (36, di cui 20 per Mandragora).

Tra le squadre che lotteranno per la salvezza, in evidenza il Cagliari (22,5 milioni investiti) e l’Empoli, che ha piazzato il colpo La Gumina a 9 milioni. E le sorprese potrebbero non essere finite.

Una breve, ma doverosa premessa prima di illustrare i risultati. Abbiamo tenuto conto dei costi fissi (il valore di acquisto o del prestito oneroso), ma non delle parti variabili come possibili bonus o diritti di riscatto. Per fare un esempio, Higuain incide al momento per 18 milioni e non per 54, la cifra complessiva che il Milan verserebbe alla Juve in caso di acquisto a titolo definitivo tra un anno.

Se l’obbligo di riscatto è già stabilito e non è subordinato al conseguimento di un obiettivo, la cifra complessiva è subito compresa nel bilancio degli acquisti. Nei costi sostenuti rientrano anche le spese per riscattare i calciatori già in rosa la scorsa stagione. A due giorni dalla fine del calciomercato, i dati sono inevitabilmente provvisori, ma indicativi.

Calciomercato, le squadre della Serie A che hanno speso di più

1. Juventus 234,9
2. Roma 112,6
3. Napoli 95,5
4. Inter 85,5
5. Milan 81
6. Torino 49
7. Lazio 43
8. Genoa 40,2
9. Udinese 36
10. Atalanta 33
11. Bologna 31,8
12. Fiorentina 31,5
13. Sampdoria 31,1
14. Sassuolo 30,7
15. Cagliari 22,5
16. Empoli 14,7
17. Parma 12,7
18. Spal 9,95
19. Chievo 6,55
20. Frosinone 3,7

I trasferimenti più costosi dell’estate in Serie A

1. Cristiano Ronaldo 100 milioni (dal Real Madrid alla Juve)

2. Joao Cancelo 40,4 (dal Valencia alla Juventus)

3. Radja Nainggolan 38 (dall’Inter alla Roma)

4. Leonardo Bonucci 35 (dal Milan alla Juve) e Mattia Caldara 35 (dalla Juve al Milan)

5. Fabian Ruiz 30 (dal Betis al Napoli)

6. Steven N’Zonzi 26,65+4 di bonus (dal Siviglia alla Roma)

7. Alex Meret 25 (dall’Udinese al Napoli)

8. Javier Pastore 24,7 (dal Psg alla Roma)

9. Simone Verdi 23+2 (dal Bologna al Napoli)

10. Lautaro Martinez 22+3 (dal Racing all’Inter)

Gazzetta.it

Comments

comments