Tra chi ha avuto il piacere di conoscere ed apprezzare Giuseppe Rossi c’è stato anche Vincenzo Guerini. L’ex centrocampista è stato il club manager della Fiorentina proprio quando Pepito è arrivato in viola. Ora che Rossi approda di nuovo in A per giocare con il Genoa, tornano alla mente tante sensazioni ed emozioni

“Stiamo parlando di un ragazzo eccezionaledice Guerini a Tuttomercatoweb.come averlo visto allenarsi dal vivo è stato qualcosa di speciale. Nella mia lunga carriera ho visto tanti giocatori e ritengo che lui sia uno dei dieci più forti che ho visto dal vivo, un fuoriclasse. Se non avesse avuto infortuni poteva giocare tranquillamente nel Barcellona, nel Real Madrid o nel Bayern Monaco”.

Adesso che torna in A che si sente dire?
“Non so come sta, ma mi auguro che si possa togliere grandissime soddisfazioni, considerando anche il suo amore infinito per il calcio. Raramente ho visto giocatori così appassionati. A Firenze ha regalato una soddisfazione che resterà nella storia, segnando quei tre gol alla Juve nella vittoria per 4-2 in rimonta. Aggiungo che se non si fosse fatto male, nella stagione 2013-14 saremmo arrivati in Champions con la sigaretta in bocca”.

Un Rossi al 70-80% può essere determinante?
“Può bastare per salvare da solo il Genoa”.

L’augurio finale che gli manda?
“Che possa allenarsi bene e giocare tutto il campionato. E che si diverta come solo lui sa fare giocando a calcio”.

 

Tuttomercatoweb.com

 

Comments

comments