4 Dicembre 2021 · 08:14
2.3 C
Firenze

Giannichedda: “La Fiorentina non può stare tranquilla nonostante i punti di vantaggio. Le inseguitrici stanno andando forte”

Le parole di Giuliano Giannichedda ai microfoni di Lady Radio

Giuliano Giannichedda, ex centrocampista della Lazio, è intervenuto ai microfoni di Lady Radio in occasione di Fiorentina-Lazio in programma per Sabato 8 Maggio ore 20.45. Ecco le sue parole:

FIORENTINA-LAZIO “Una partita che sicuramente vale moltissimo per entrambe le squadre. La Fiorentina è in sofferenza perché le squadre dietro, tranne il Benevento, stanno facendo tutte punti. La Lazio non può più sbagliare per entrare in Champions League. Si tratterà di un match difficile per entrambe, Vlahovic è in formissima e comunque i viola ultimamente non hanno fatto male. Tanti valori si sono assottigliati con il Covid”.

DIFFICOLTÀ FIORENTINA “Non è colpa di questo o di quell’altro, tutto deve funzionare, dalla società ai calciatori. Se ci sono così pochi punti e una rosa così importante significa che diverse cose non sono andate, il calcio è fatto così. La rosa della Fiorentina è molto buona anche se qualcuno non ha rispettato le aspettative, ma anche il Covid ha inciso perché se non si ha una rosa di 25 giocatori tutti allo stesso livello incide di più. Una cosa poi è lottare a due o tre punti dalla salvezza”

AMRABAT “È un ottimo calciatore ed è un ottimo acquisto. Ha reso un po’ al di sotto delle aspettative, ma se gioca e sta bene ne risente tutta la squadra. Mi ha sorpreso che abbia buone geometrie oltre al tantissimo filtro che fa. È un po’ mancato per il modo di giocare della Fiorentina e anche per motivi suoi sicuramente. Al Verona giocava in un centrocampo stile Atalanta di Gasperini ed era diverso“.

RETROCESSIONE “Se la giocheranno Cagliari e Benevento. La squadra di Inzaghi per me andrà in difficoltà se continua a giocare così, ma anche il Cagliari sembrava in difficoltà. È un campionato molto strano. Nessuno può stare tranquillo, nemmeno chi ha 4 punti di vantaggio“.

LEGGI ANCHE:

FIORETTI: “IL MURO CHE RICORDAVA DAVIDE MI SPEZZO’ IL RESPIRO. GIRARE PER FIRENZE ERA UN INCUBO”

Fioretti: “Il muro che ricordava Davide mi spezzo’ il respiro. Girare per Firenze era un incubo”

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

CALENDARIO