Antonio Di Gennaro è intervenuto ai microfoni di Lady Radio: “Bisogna avere degli osservatori che ti permettano di scovare prima i giocatori, altrimenti l’anno prossimo sei costretto a vendere Chiesa”.

Prosegue sulle prospettive future: “Non so se però si potrà tornare ai livelli di Montella o al primo anno di Sousa. Adesso è difficile lavorare in prospettiva con quella qualità. L’orizzonte è quello di metà classifica, a meno che non si crei una forza di scouting importante”.

E sulla proprietà: “Oppure ci vuole una proprietà vicina, i giocatori vogliono il patron. Ricordo che la Fiorentina vinse a Milano quando Diego si fece presente in ritiro”.

Spende alcune parole anche per quello che dovrebbe essere il modello da seguire: “Il modello è quello della Lazio”.

E conclude con un pensiero sul prossimo impegno di campionato: “Bologna? Sarà una partitaccia. Donadoni è una squadra messa ben in campo, organizzata, concentrata. Non sarà una partita semplice, anche perché se gioca come Domenica contro il Verona si va poco lontana. Anche se, sinceramente, non sono riuscito a inquadrarla la partita con l’Hellas”.

Comments

comments