23 Giugno 2021 · 07:12
18.9 C
Firenze

Francesca Fioretti: “Con Davide eravamo famiglia. Con un esame in più poteva essere salvato”

La compagna di Davide Astori, Francesca Fioretti, si è raccontata a Verissimo, nella puntata che andrà in onda domani

“La vita di prima non c’è più, ma nella nuova vita ci sono delle costanti e la mia è mia figlia Vittoria, che mi ha tenuta sempre salda alla realtà. Anche nelle cose più brutte c’è sempre una luce alla fine e io penso di essere diventata una donna migliore”.

A distanza di oltre tre anni, Francesca Fioretti, storica compagna di Davide Astori (tragicamente scomparso nella notte del 4 marzo del 2018 per un problema cardiaco), si confessa ai microfoni di Verissimo.

“All’inizio istintivamente a mia figlia ho semplicemente raccontato la verità – racconta nell’intervista che Canale 5 trasmetterà sabato 15 maggio a partire dalle ore 15 – perché volevo costruire un rapporto di piena fiducia con lei. Non l’ho mai illusa, ovviamente, il racconto è diventato più complesso nel corso degli anni anche perché a cinque anni la curiosità e le emozioni di una bambina sono diverse rispetto a quando ne aveva due. Oggi Vittoria è una bambina felice e viviamo questa mancanza come una cosa normale nella nostra vita”.

“Io e Davide ci amavamo e abbiamo scelto consapevolmente di avere Vittoria. Eravamo una famiglia a tutti gli effetti anche se l’amore non era sigillato da un contratto matrimoniale. Questo ha innescato dei meccanismi che solo oggi comprendo, perché non tutti i minori hanno una situazione serena. Quindi è giusto che esistano questi tutori, però, per una mamma responsabile e che dedica la propria vita alla propria figlia è difficile accettarlo. Ho provato tanta rabbia perché erano gli altri che decidevano per mia figlia. Tutti pensavano di avere più diritti di me riguardo Vittoria”.

“La tragedia poteva essere evitata? Bastava un esame in più, è stata riconosciuta una responsabilità medica perché dai risultati dell’elettrocardiogramma Davide doveva essere sottoposto a un banale holter, che non è mai stato fatto. Vorrei impegnarmi per far sì che l’holter diventi obbligatorio a prescindere dai risultati dell’elettrocardiogramma. Un nuovo amore? La vita va vissuta a prescindere da tutto. Vivo per mia figlia ma anche per me, perché alla mia età non è giusto che io sopravviva. La morte è una cosa naturale e se trasformi il vuoto in un posto sicuro dove vivere, allora ti salvi. Il dolore è ancora immenso, ma il suo colore è cambiato nel tempo”. Lo scrive il Corriere dello Sport

COMMISSO SFIDA FIRENZE: “AVETE I SOLDI, COMPRATEVI LA FIORENTINA, COSTA 335 MILIONI DI EURO”

Commisso sfida Firenze: “Se volete metto in vendita la Fiorentina per 335 milioni. Troppe critiche”

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

Pulgar si fa male con il Cile, lesione muscolare alla gamba destra, in dubbio per la Copa America

Si è fatto male il giocatore della Fiorentina Erick Pulgar con la nazionale cilena impegnata nella Copa America durante la partita contro l'Uruguay, questo...

Montella: “A Firenze ho lanciato Vlahovic e Castrovilli. Mi sono incatenato per Berardi alla Fiorentina”

Ospite della Rai l’allenatore Vincenzo Montella ha parlato delle sue passate esperienze con Catania, Fiorentina e Milan spiegando di non rimpiangere alcuna scelta: “Credo che un allenatore...

CALENDARIO