La viola si complica maledettamente la vita e butta via una gara in controllo contro il Genoa: folle 3-3 al Franchi. Fiorentina in controllo da subito. Il Genoa non riesce ad incidere, mentre la viola sfoggia un buon giro palla e passa al quarto d’ora, con un tiro cross dalla sinistra di Ilicic sul quale Lamanna non è esente da colpe. Una manciata di minuti dopo la squadra di Sousa potrebbe raddoppiare: Chiesa borseggia un pallone al limite, entra in area col turbo e scaraventa un destro terrificante verso la porta di Lamanna, che si stampa sulla parte interna della traversa e poi rimbalza via.

La ripresa si apre con lo stesso copione. E la viola raddoppia: al 50’ Kalinic per Chiesa che dal limite finta il tiro, se la porta avanti di un metro eludendo la marcatura e la piazza all’angolino alla sinistra di Lamanna. Passano due minuti e lo show prosegue: ancora Kalinic che stavolta mette in porta Ilicic, con lo sloveno che salta Lamanna ma vede la sua conclusione deviata da Orban ad un metro dalla porta. Ma quando la gara sembra in ghiaccio il Genoa la riapre: al 57’ Taarabt serve Simeone che supera con un lob Sportiello in uscita (dormita della difesa viola) ed il gol del grifone è servito. Shock viola che si completa dopo 1 minuto: Simeone ricambia il favore servendo Taarabt che liberissimo la mette dentro. I 4 minuti più folli della stagione però si completano positivamente: Bernardeschi non fa in tempo ad entrare che serve a Kalinic l’assist per il diagonale che fa 3-2. Il Genoa però non si arrende e all’85’ trova il pareggio: mischia in area, Bernardeschi la toglie dalla linea con la mano e l’arbitro assegna rigore e rosso. Sportiello intuisce, ma Simeone trasforma lo stesso.