La Fiorentina, un mese dopo la tragedia che aveva determinato il rinvio della prima giornata di campionato, torna Genova e ad attenderla c’è una Samp reduce da due vittorie consecutive e ben otto reti messe a segno.

Le due squadre, fin dalle prime battute di gioco, sembrano intenzionate ad affrontarsi a viso aperto e, a totale beneficio dello spettacolo, le occasioni fioccano da ambedue le parti. La squadra di Pioli, micidiale in ripartenza, è abile a sfruttare le disattenzioni della retroguardia avversaria ed al 13′ passa in vantaggio grazie al secondo gol stagionale di Giovanni Simeone. Il Cholito, con tempismo perfetto, raccoglie un preciso cross di Biraghi, proveniente dalla sinistra, e lo trasforma in una traiettoria imprendibile per l’estremo difensore blucerchiato.

I padroni di casa non si perdono d’animo e si buttano a capo fitto alla ricerca del pareggio. Il più pericoloso è Caprari che prima ci prova su calcio piazzato, cogliendo una traversa ed una pronta respinta di Dragowski, e successivamente trova il pari con un preciso destro a giro che si insacca a fil di palo.

Il pari non accontenta nessuno e mentre i doriani continuano a spingere sull’acceleratore, i gigliati ci provano con Milenkovic, che di testa non riesce ad impensierire Audero. Gli ultimi sussulti sono di marca viola: con Mirallas, entrato in campo nella ripresa, e Milenkovic che tentano di sorprendere il portiere avversario con due fendenti dal limite.

Maresca, dopo tre minuti di recupero, decreta la fine delle ostilità. Un pareggio grazie al quale Fiorentina e Sampdoria salgono a quota sette punti il classifica. Il tutto con la necessità di ritrovare la vittoria al più presto, già a partire dal prossimo impegno casalingo contro la Spal.

Gianmarco Biagioni