30 Novembre 2020 · 09:22
6.6 C
Firenze

Fiorentina-Padova: viola obbligati a vincere, i veneti per scrivere una favola

La Coppa Italia entra nel vivo con il terzo turno che si disputerà tra martedì 27 e mercoledì 28 ottobre. Sono i giorni in cui fanno il proprio ingresso in tabellone le squadre di Serie A e uno dei match di cartello è sicuramente Fiorentina-Padova in campo mercoledì al Franchi alle ore 18. Per la viola sarà una gara trabocchetto, una compagine della massima serie ha tutto da perdere affrontando una formazione che milita attualmente in Serie C.

Un tranello del tabellone, con il grosso vantaggio di avere ben due categoria di differenza da sfruttare per i viola. Il confronto sembra impari ma attenzione perché i biancorossi in questa competizione hanno già eliminato il più quotato Frosinone con un secco 3-1 a domicilio e in campionato sono primi con 14 punti in 7 partite. In più gli uomini di Mandorlini arrivano al match di mercoledì dopo due vittorie di fila e imbattuti in totale da sette gare.

Fiorentina-Padova: Iachini a caccia di certezze

Fiorentina-Padova non sarà quindi una gara facile per i viola tornati sulla retta via con il successo di domenica per 3-2 sull’Udinese, arrivato dopo un pareggio e due sconfitte. Nonostante l’avvio complicato della Viola in campionato, come confermano anche i pronostici sulla serie A di Wincomparator, Iachini è stato confermato la scorsa settimana da Commisso e tutta la dirigenza, ma i rumors sull’esonero continuano, con la pesante ombra di Sarri che fa capolino alle spalle dell’attuale tecnico viola. Bisogna vincere per allontanare i fantasmi e far diventare anche la Coppa Italia un obiettivo. La seconda competizione più importante del calcio italiano è un trampolino diretto verso l’Europa, e una Fiorentina ambiziosa non può perdere questa occasione. Senza contare che la vincente del match avrà sulla strada l’Udinese, avversario meno temibile di altri.

Difficile ipotizzare oggi chi giocherà mercoledì anche perché sono molte le situazioni da valutare in infermeria. Pezzella si è fermato ieri al pari di Lirola, le condizioni di Ribéry sono ancora precarie, improbabile che Iachini rischi i suoi tre pilastri di difesa, fascia destra e attacco. Al di là di chi scenderà in campo, la Fiorentina tecnicamente sarà nettamente superiore al Padova, almeno sulla carta, e poi c’è la storia a dare una certa sicurezza ai viola. Nei quattro precedenti in Coppa Italia i veneti non hanno mai vinto e quando le due squadre si sono affrontate in Serie A i toscani si sono sempre portati a casa il successo.

Padova sulle orme di Alessandria e Pordenone?

Per fortuna del Padova la storia rimane negli annali e nuove pagine si possono scrivere in ogni occasione. E poi, a proposito di storia, la Coppa Italia è ricca di sorprese. Due anni fa il Novara arrivò agli ottavi, la stagione prima il Pordenone accarezzò il sogno dei quarti battuto solamente all’ultimo rigore dall’Inter. E se ancora si vuole sognare in grande, come non dimenticare la cavalcata dell’Alessandria che nel 2016 si fermò ad un solo passo dalla finale battuta dal Milan. Il Padova può sicuramente prendere esempio da loro, giocando però con le sue armi.

La squadra di Mandorlini ha una difesa di ferro, mai perforata nelle ultime due gare, e un attacco che sta iniziando ad ingranare, se è vero come è vero che ha segnato due reti al quotato Sudtirol e ben cinque all’Arezzo le ultime due volte che è sceso in campo. Ovviamente tutto questo non basta a cambiare il pronostico della sfida. Alcuni siti di scommesse hanno già dato indicazioni su come finirà, con il segno “1” quotato a poco più di 1,05 e il “2” che si aggira addirittura intorno ai 20. Una missione impossibile per il Padova anche analizzando le due rose, secondo il sito specializzato transfermarkt quella viola ha un valore totale di oltre 240 milioni, quella veneta di poco più di 7. Tutto già scritto? Forse sì, ma attenzione perché il campo può ribaltare tutto, e la storia della Coppa Italia è ricca di sorprese.

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

NO INVESTIMENTI A GENNAIO, SOLO A BASSO COSTO. PRADÈ E PRANDELLI FINO A GIUGNO. ALLA SQUADRA MANCA GRINTA

La Fiorentina perde anche contro il Milan e la classifica si fa veramente brutta. Ma non è questo il momento dei processi. Ci sono...

Disastro Fiorentina! 8 punti alla nona giornata: mai così male nell’era dei tre punti

I dati Opta sottolineano un inizio di campionato shock per la Fiorentina. Riusciranno i viola a svoltare la stagione?

CALENDARIO