23 Gennaio 2021 · 06:26
8.7 C
Firenze

Fiorentina: contro il Genoa per iniziare un nuovo Campionato

Voglio riportare un po’ di positività ed ottimismo in mezzo a dei risultati davvero terribili.

Inutile girarci attorno: i dati sulla Fiorentina sono incredibilmente imbarazzanti! Non segniamo dal 25 Ottobre, le ultime 5 gare ufficiali, se consideriamo solo i tempi regolamentari della Coppa Italia, ci riportano 0 reti messe a segno e dietro si continua a prendere dei goal per delle disattenzioni macroscopiche, quanto ingenue.

Finalmente vediamo i giocatori nei loro ruoli, moduli che cambiano in corsa ma che contengono tutti una logica, ma dietro a 3 o a 4 per ora è cambiato poco, e davanti i nostri 3 giovani calciatori (Vlahovic, Kouamè e Cutrone) sembrano non in grado di buttarla dentro neanche con le mani. Per adesso le statistiche parlano di 2 goal totali in 3.

Insomma la cura Prandelli iniziata da appena 20 giorni, se da una parte ha ridato una logica alla squadra, dall’altra non ha fin qui cambiato molto in quanto ad errori e risultati della compagine gigliata. Ed anche a livello mentale siamo fragilissimi. Un esempio? L’altro ieri dopo il secondo goal del Milan abbiamo smesso di giocare. Questo significa che anche la personalità dei leader dello spogliatoio è in crisi.

Però lunedì sera col Genoa “in casa” (come sempre a porte chiuse) può essere la partita della svolta. Finalmente Prandelli avrà una settimana per stare con tutti i calciatori della Fiorentina, senza impegni delle Nazionali o partite di Coppa Italia nel mezzo da preparare. E quindi da domani finalmente potrà inculcare davvero la sua idea di calcio ai giocatori.

Perdere col Genoa significherebbe, seppur dopo appena 10 giornate di Campionato, finire in una zona drammatica di classifica, disperata oserei dire, ma a questa ipotesi non voglio neanche pensare. Sì, perché in questa atmosfera di negatività ed abbattimento, suffragata da dei dati incontestabili (negativi a livello statistico, sia per la difesa che per l’attacco), io vedo una luce in fondo al tunnel.

Iachini, che ho spesso criticato, non era l’unico dei problemi e purtroppo ce ne stiamo accorgendo, ma la rosa (costruita da Pradè tra dubbi ed incomprensioni) resta da metà classifica, ed in quella posizione finiremo il Campionato, partendo propria dalla gara contro il Genoa.

La Fiorentina tornerà a giocare e vincere contro squadre più deboli di essa, e partite come quella col Benevento non si vedranno più. Anche perché a livello atletico la squadra è cresciuta in questi pochi giorni di gestione Prandelli. Basti guardare i tempi supplementari di Coppa Italia contro l’Udinese, dove i nostri sembravano avere una marcia in più rispetto ai friulani.

Tutti uniti allora, se non possiamo far sentire la nostra voce negli stadi, facciamolo on line e sui social network gridando: “Sempre e solo Forza Fiorentina!”.

Giancarlo Sali

LEGGI ANCHE: CORSPORT, PIATEK E QUEL LIKE AL POST DI BONAVENTURA. È UN INDIZIO DI MERCATO IN VISTA DI GENNAIO?

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

Papu-Siviglia fatta? Monchi frena: “Ci stiamo lavorando, ma c’è ancora molta strada da fare”

Monchi è intervenuto ai microfoni di Sportitalia per commentare la trattativa Gomez-Siviglia

Di Marzio, Fiorentina, resiste la tentazione Malcuit del Napoli: potrebbe essere il rinforzo per la difesa

Per completare la rosa della Fiorentina manca principalmente un terzino destro. La partenza di Lirola direzione Marsiglia ha lasciato un buco nella squadra viola...

CALENDARIO